Mistero a Londra: nasce tigrotto raro e muore affogato

La notizia della sua nascita aveva riempito di felicità i dipendenti dello zoo di Londra. Dopo 17 anni era venuto al mondo un cucciolo di tigrotto di una specie in via di estinzione. Purtroppo, muore affogato dopo soli 15 giorni. Il tigrotto faceva parte di una specie in via di estinzione che conta soltanto 400-500 esemplari in tutto il mondo. La tigre di Sumatra, questo il nome della specie a cui apparteneva. Proprio per la sua rarità si sperava che potesse crescere bene e riprodursi per dare uno spiraglio alla specie in via di estinzione. Il cucciolo di soli 15 giorni è stato trovato morto sul bordo della vasca all’interno della sua gabbia. L’autopsia ha confermato che il tigrotto è morto affogato. Il ritrovamento è avvenuto dopo che i guardiani si erano insospettiti non vedendo più il tigrotto in gabbia. Sono andati a controllare e hanno fatto la macabra scoperta, subito segnalata alle autorità dello zoo. Il tigrotto era venuto al mondo da soli 15 giorni ed era tenuto sotto costante osservazione dai dipendenti dello zoo di Londra. Questi controllavano gli animali grazie ad alcune telecamere nascoste. Per ogni gabbia c’era almeno una telecamera che mostrava le attività quotidiane degli animali. Il sistema di sorveglianza non poteva però inquadrare una parte della zona della vasca, proprio quella in cui il tigrotto è morto affogato. Inoltre, i guardiani del giardino zoologico avevano deciso di non aggiungere alcuna protezione all’interno della gabbia per evitare di innervosire gli animali. Una scelta che però a priori non è sembrata particolarmente felice. Dunque, il tigrotto potrebbe essere morto affogato per cause naturali oppure c’è un mistero che potrebbe coinvolgere qualcuno all’interno del parco a cui la sua nascita non era gradita? L’ipotesi della disattenzione umana sembra comunque la strada percorsa dai vertici dello zoo di Londra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.