Il brillantante per lavastoviglie è nocivo: ecco come sostituirlo


Il brillantate è un prodotto per lavastoviglie comunemente utilizzato da chiunque possieda un elettrodomestico di questo genere, o quasi. Serve a rendere più rapida l’asciugatura e quindi i piatti più splendenti. Il brillantante per lavastoviglie però è nocivo, ecco quindi di seguito un piccolo suggerimento su come sostituirlo con un prodotto naturale e di uso domestico, che non faccia male alla salute, un rimedio casalingo che renderà le vostre stoviglie ugualmente belle e brillanti ma senza inquinare né essere nocivi.
Il brillantante è un prodotto chimico e con molta probabilità nel risciacquo che la lavastoviglie opera, non tutto il prodotto utilizzato (così come avviene per il detersivo per piatti) può essere rimosso. Insomma, partendo dal presupposto che un minimo di brillantante rimanga attaccato alle nostre stoviglie ad ogni lavaggio, perché dovremmo rischiare di ingerire poi quel brillantante rimasto appicciato al piatto quando in quest’ultimo mettiamo il cibo che serviremo a tavola a noi e ai nostri figli? Ecco quindi come ovviare al problema e sostituire il brillantante utilizzando rimedi naturali e casalinghi: il brillantante può essere tranquillamente rimpiazzato dall’aceto. L’aceto è un prodotto naturale, studiato e nato per essere ingerito, che problema c’è dunque se ne rimane un po’ attaccato alle stoviglie? In più l’aceto elimina gli odori: può essere una buona idea utilizzarlo anche solo per questa funzione spruzzandone un po’ sopra piatti, bicchieri, pentole e posate prima di avviare il ciclo di lavastoviglie. Utilizzare l’aceto in questo senso è particolarmente importante se si è cucinato del pesce, in questo modo gli odori spariranno e le vostre stoviglie saranno perfette e brillanti.

Insomma, ecco un rimedio naturale ottimo per evitare di utilizzare il brillantante senza perdere però quell’effetto di profumo, pulizia e lucentezza che i piatti hanno una volta usciti dalla lavatrice dopo aver utilizzato il prodotto.


Leggi altri articoli di Benessere e Tempo Libero

5 commenti su “Il brillantante per lavastoviglie è nocivo: ecco come sostituirlo”

  1. julia
    Marzo 27, 2014

    siate parsimoniosi ne basta davvero pochissimo ….. esagerare brucia le guarnizioni !!!

    • MARIAG GRAZIA
      Marzo 30, 2014

      NEL CONSIGLIO DEL SOSTITUTIVO DELL’AMMORBIDIENTE SCONSIGLIATE L’USO DELL’ACETO IN QUANTO COL TEMPO POTREBBE ROVINARE E PARTI METALLICHE DELLA LAVATRICE ….COME MAI INVECE CONSIGLIATE L’ACETO COME SOSTITUTIVO DEL BRILLANTANTE PER LA LAVAPIATTI ? LE PARTI METALLICHE SONO ANCHE NELLA
      LAVAPIATTI O ERRO ……?

      • Anonimo, privacy grazie.
        Febbraio 1, 2016

        Buffo pensare che quando si impugna un’accusa verso la “chimica” in nome di un “ecobio” che mi chiedo se realmente esista si ribadiscono e si punti all’attenzione del lettore sempre sulle solite cose:
        – Tutte le “sostanze chimiche” portano ALMENO ad una di queste conseguenze: cancro, allergie, morte, disturbi ormonali ecc.
        – Quasi tutte le “sostanze chimiche” contestate (indipendentemente dal settore) consistono sempre nei metalli pesanti, fosfati e derivati del petrolio, per arrivare poi al parossistico scritto di “metalli contenuti nel petrolio”
        – Ricordo ai pozzi di scienza che il petrolio ha origine NATURALE.
        – Si parla quasi sempre della salute dei nostri ipotetici figli ai quali a terzi non dovrebbe importare, questo per non dire termini più consoni a certe orecchie. Credo poco ai falsi altruismi specie se poi si mobilita il commercio verso prodotti indicati come “salutari” da dei GURU.
        – Chi scrive probabilmente va per sentito dire da seguaci che a loro volta hanno sentito dire da GURU senza che nessuno di questi abbia la benché minima idea di come si scateni una reazione all’interno di un organismo.
        – Probabilmente questi paladini della giustizia si dimenticano che tutto ciò che è intorno è chimica. Anche quando una persona formula un discorso è chimica. Anche osservare un paesaggio è chimica. Per continiare in una lista infinita che comprende le alternative vociferate per naturali. Oltretutto, naturale non è sinonimo di salutare, fesseria? Bene, e per quanto concerne il fungo amanita muscaria o il veleno di vipera? Sono “di sintesi” anche questi?

        CONCLUDENDO, la verità (che si accetti o meno) consiste nel fatto che siamo parte di una società che insegue sempre di più l’insoddisfazione superflua del singolo. Con questo non voglio affermare che certi rischi per la salute non esistano ma che servirebbe molta più moderazione poiché sono amplificati, l’organismo non è una provetta ma un sistema, non di certo per formaggi contenenti tracce molto basse di alluminio o per un abito in poliestere si muore istantaneamente di cancro. Anche perché dirlo senza ulteriori specificazioni è assolutamente falso. O forse le notizie generalizzate sono il panorama in cui trascinare il consumatore per indurlo in false credenze?

        • Alessandra
          Agosto 17, 2016

          Brillantante nocivo? È dimostrato da analisi precise? È dimostrato che si attacca alle stoviglie? È dimostrato che fa male? Dopo 40 di pasti con stoviglie e piatti lavati da lavastoviglie con brillantante dovrei essere morta o gravemente malata oggi,e invece toh! Niente, analisi perfette, e quindi? E quindi finiamola con le seghe mentali da vegani ecologisti complottisti esagitati paranoici, basta…datevi allo sport, fa bene alla mente.

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

    © Ultime Notizie Flash

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close