Abuso di farmaci, molte le morti causate dagli antidolorifici

Sono mole le morti causate dagli antidolorifici. L’abuso di farmaci sta superando i decessi avvenuti per cocaina e sostanze stupefacenti varie. A svelarlo sono gli scienziati, che parlano del lato oscuro dell’abuso di farmaci. Il tema viene trattato già da diversi scrittori americani. Nei suoi libri, l’autore minimalista Bret Easton Ellis è solito mostrare le conseguenze di questo cocktail di farmaci nei suoi personaggi, così come gli effetti derivanti da una insana dipendenza da essi, soprattutto nei bambini. Stando a un recente studio condotto a metà tra Usa e Canada, sono molti i morti, ogni anno, per l’assunzione di antidolorifici che non per droghe come eroina e cocaina messi insieme.

L’assunzione di questo genere di farmaci causa un alto numero di decessi, che supera quelli per overdose da droghe come eroina e cocaina messi insieme. Secondo i ricercatori della McGill University, le morti sono aumentate a causa della prescrizione “semplificata” e la conseguente assunzione di antidolorifici.

Serino, ragazzina tenta il suicidio con gli antidolorifici – LEGGI QUI

Solo nel 2010 sono stati circa 16mila i decessi. Il dottor Nicholas King, del Biomedical Ethics Unit presso la Facoltà di Medicina della McGill, ha spiegato i risultati della ricerca. Ecco le sue parole: “Le overdose da prescrizione di antidolorifici hanno ricevuto molta attenzione negli editoriali e sulla stampa popolare, ma volevamo scoprire se vi fossero reali e solide prove di questo”.

Antidolorifici pericolosi: ecco perché – LEGGI QUI

King ha condotto una revisione sistematica del problema. I risultati dello studio sono poi stati pubblicati sul Journal of Public Health. King ha spiegato di aver trovato la prova per almeno 17 diversi determinanti della mortalità crescente legati agli oppioidi. Sono aumentate le vendite di questi ultimi, così come le loro prescrizioni mediche. Soprattutto sostanze presenti negli oppioidi come Oxycontin e metadone, combinate con altre sostanze, provocano un cocktail mortale. King si augura che i risultati del suo studio possano aiutare gli altri Paesi a prevenire quello che invece sta accadendo sia negli Usa che in Canada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.