Claudio Baglioni presenta l’album ConVoi

Claudio Baglioni ha presentato oggi il suo album ConVoi ai giornalisti, nel corso di una conferenza stampa presso l’Hotel Hilton. Il cantante è stato da poco costretto a rimandare il tour, a causa di una laringofaringite che l’ha colpito rendendolo praticamente afono. E così, nel corso della conferenza stampa, Baglioni ha parlato del suo nuovo album, arrivato dopo che il cantautore aveva pensato di ritirarsi dalle scene. Ma gli appunti raccolti nel corso dell’ultimo biennio erano davvero tanti, e per questo Baglioni ha deciso di dar vita a questo nuovo lavoro, l’album ConVoi.

Baglioni, riguardo l’album ConVoi, ha detto di averlo riascoltato notando in tutte le canzoni qualcosa che le unisce, nonostante lui non l’abbia vissuta come un’opera unica. E così il cantautore ha detto che le dodici canzoni sono state quasi come 12 album separati, ognuna con una sua storia. Baglioni, nel corso della conferenza stampa, appare un po’ critico sulla musica italiana negli ultimi 10 anni, dicendo che non sono venuti alla luce brani memorabili, come avveniva invece in passato. “E’ l’autunno della musica“, ha detto il cantautore.

Baglioni ha parlato anche del fatto che, al termine dell’album, abbia avuto un tracollo psico-fisico, come già gli era accaduto in passato. Ha ammesso di aver passato circa tre settimane fa un periodo di depressione, del quale non avrebbe voluto parlare.

Baglioni, a domanda dei giornalisti, risponde che la tv non aiuta la musica. I talent show creano omologazione e rotazione, ogni anno emerge un personaggio nuovo.

Riguardo all’album ConVoi Baglioni afferma che è stato lavorato con “artigianalità“, con poche persone.

Non ci resta dunque che ascoltarlo ed augurare un in bocca al lupo a Claudio Baglioni, affinché possa guarire ed esibirsi dal vivo.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.