L’amaro sfogo di Monica Leofreddi sui social: aspetta che la sua porta si apra per tornare a lavorare

Sembrava uno di quei classici post che si pubblicano su Instagram. Una bella foto, una porta colorata alle spalle. E invece Monica Leofreddi ha scelto quella immagine per dire qualcosa. Una sorta su lungo sfogo che la conduttrice ha condiviso con le persone che la seguono con affetto. Si riferisce alle porte che non si aprono nel mondo del lavoro. Tanti gli attestati di stima, dice la conduttrice, ma poche porte che si aprono anche se lei ci crede ancora e spera che prima o poi, torni a esserci spazio anche per lei in quel piccolo schermo che per molti anni è stato casa sua.

MONICA LEOFREDDI SI SFOGA SUI SOCIAL

Ed ecco il lungo sfogo di Monica Leofreddi sui social:

Io sono sempre ad aspettare che si apra la mia porta per tornare a lavorare. Ho bussato a tanto e credetemi,ho fatto anche telefonate che mi sono costate tanto, non ho mai perso la mia dignità ma mi sono spinta molto oltre il mio orgoglio. Non bisogna mai avere rimpianti e per questo non si deve avere paura di chiedere aiuto . Il compromesso non è mai stata la mia chiave per aprire le porte ma non per questo si deve smettere di lottare. Ricevo molti attestati di stima ma slla fine non si concretizzano mai. Il vostro supporto ed il vostro affetto mi aiutano tanto a vedere ancora il mio futuro professionale in rosa! Io dietro quella porta ci sono sempre stata anche se spesso forse per alcuni troppo, ho messo i miei affetti prima di tutto. Pentimento? Zero! Ma ora … apriti sesamo!! #opendoors #smilealways #lovemyjob❤️ #grazieatuttivoi❤️ #instagood #instalife

Ci crede ancora la conduttrice e non si vergogna a rivelare che ci ha provato, insistendo anche in alcuni casi, con quelle telefonate che mai avrebbe voluto fare. Per ora la sua occasione non è ancora arrivata. Ci sarà?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.