Coronavirus, Emanuele 35 anni la più giovane vittima del Lazio. Il padre: “Era sano”