Bollette luce e gas con aumenti al 40%: perché aumentano?

Bollette luce e gas con aumenti al 40%: perché aumentano?

Una brutta notizia per gli italiani che vedranno aumentare le bollette di luce e gas fino al 40%. La situazione economica è già piuttosto critica per tante famiglie e questo aumento delle utenze di certo renderà l’amministrazione del budget familiare ancora più difficoltosa. Ma perché si registrerà un aumento così corposo delle bollette? I fattori che sono causa di questo salire vertiginoso del prezzo di luce e gas sono numerosi. Ecco indicati quelli principali, “colpevoli” dell’aumento delle bollette.

Bollette luce e gas con aumenti al 40%: perché aumentano?

La brutta notizia era stata per la verità già anticipata dal Ministro per la Transizione ecologica, Roberto Cingolani, in occasione del convegno della CGIL organizzato a Genova lo scorso 14 settembre. E di questo aumento, che spaventa tutti, si era quindi parlato nelle ultime ore. E’ chiaro che il governo sta cercando degli interventi per fare qualcosa ed evitare questa situazione. Già nel prossimo trimestre gli italiani dovranno affrontare spese di luce e gas decisamente più elevate. Il fenomeno non riguarderà solo l’Italia ma colpirà buona parte dei paesi europei. Un’amara consolazione che deve però far capire come i fattori che sono alla causa dell’aumento vanno scovati in un cambiamento generale e non legato solo al nostro paese che però ne pagherà le salate conseguenze.

Torniamo ai fattori che determinano l’aumento delle bollette di luce e gas. Quali sono quelli principali? Intanto, occorre notare come dal secondo trimestre del 2020 allo scorso agosto, il prezzo dell’energia elettrica per gli italiani è passato da 16,08 a 22,89 centesimi di euro per kilowattora. Un aumento cospicuo che si traduce appunto in un ritocco verso l’alto anche del costo della luce. Solo che l’effetto di questo ritocco è stato finora tamponato dal Governo. Come? Il Governo aveva stanziato 1.2 miliardi di euro rendendo così il cambio di prezzo meno vistoso. Da qui in avanti, invece, non sarà più così. E aumentando nuovamente il fabbisogno energetico, visto che dopo il lockdown l’economia è in parte ripartita, sono anche lievitati i prezzi delle materie prime visto l’impennata della domanda. Anche questo fattore è uno dei principali responsabili dell’aumento delle bollette di luce e gas. 

La produzione energetica italiana si regge inoltre per il 40% sul gas naturale fornito principalmente dalla Russia che però ha deciso di investire sui paesi asiatici, lasciando un vuoto nei paesi che prima attingevano dalla Russia appunto per fare rifornimento. 

Sono inoltre aumentati anche i costi dei permessi di cui dispongono le aziende per produrre anidride carbonica. Insomma un insieme di fattori di cui l’Italia, al pari di tanti altri paesi del mondo, deve prendere atto. Così come i consumatori che da qui in avanti dovranno pagare molto di più per le varie utenze di casa. Nelle prossime ore il governo spiegherà se sarà possibile fare qualcosa, per evitare questi rincari che non passeranno di certo inosservati sulle tasche degli italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.