Juventus e Lazio: si godono il primo posto

La Juventus e la Lazio sono le prime della classe e adesso si godono il primato!

Adesso è ufficiale: il campionato italiano riabbraccia il ritorno della Juventus dopo anni di buio figli dello scandalo “Calciopoli”. I bianconeri sono tornati lì, in piana stabile, in vetta alla classifica a guardare tutti dall’alto, pensando soltanto al campo e a mettere sul terreno di gioco la fame e la voglia di rialzarsi e tornare a vincere. Juve unica imbattuta ancora in campionato, Juve che dopo la lunga sosta, causa maltempo e Nazionali, torna e riprende la marcia da dove aveva lasciato: vincendo. Ne sa qualcosa il Palermo, che continua ad essere una squadra disastrosa in trasferta incapace di fare gol finora quando gioca fuori casa, affondata con tre reti una più bella dell’altra. Pepe di testa su cross di Chiellini, Matri in diagonale su assist di Pirlo e Marchisio dopo un velo di Matri. Tutto troppo facile, troppo bello. Qualche neo, però, questa Juve ce l’ha: una difesa che non può prescindere più da Barzagli e che ha in Bonucci l’anello debole nella zona più delicata del campo. Sabato, nel prossimo incontro di campionato, ci sarà la super sfida all’Olimpico di Roma contro la Lazio, l’altra capolista in attesa che i bianconeri recuperino la sfida (il martedì successivo) contro il Napoli; a Roma sarà sfida che dirà molto sul futuro di Juve e Lazio due squadre accreditate alla vittoria finale del campionato, insieme con l’onnipresente Milan.

Chi vincerà darà un segnale forte ma non ancora decisivo. La Lazio arriva con la speranza di recuperare qualche infortunato, in primis Klose; la Juve si presenterà all’Olimpico invece con il morale a mille ma il timore di squalifica per i tanti diffidati che potrebbero, in caso di giallo, saltare la delicata sfida di martedì contro il Napoli. Come al solito la parola passa al campo che emetterà un primo importante verdetto. Ma la Juve, nel frattempo, è tornata una delle regine del campionato di Serie A, con Calciopoli che sembra ormai un brutto ricordo che fa ancora tanto parlare. Agnelli ha chiesto un “tavolo della pace”, tavolo al quale non si sederebbero mai i tifosi bianconeri che hanno contestato la decisione del loro presidente, una pace che non sembra interessare neppure a Moratti. E così Calciopoli resta un ricordo che fa fischiare però ancora le orecchie dei tifosi bianconeri che, intanto, hanno ripreso anche a cantare per le gesta di una Juve tornata grande.

 

Vincenzo Marangio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.