Rivolta in Libia, finalmente interviene Berlusconi

rivolta libia

E alla fine il premier decise di intervenire. Berlusconi, sulla rivolta in Libia, si era limitato a una infelice battuta nei giorni scorsi: “Non voglio disturbare Gheddafi”. Ora che il regime sta crollando, il presidente del consiglio si sbilancia e fa sentire la sua voce sulla drammatica situazione del Paese del Nord Africa.

“Per tutta la notte – ha detto Berlusconi agli Stati generali di Roma – siamo stati in contatto con i leader europei e americani per monitorare la situazione in Libia e in altri paesi del nord Africa. Quello che è importante è che non ci siano violenze ma dobbiamo anche essere attenti a quello che accadrà dopo quando saranno cambiati questi regimi con cui noi trattiamo e che sono per noi importanti per la fornitura di energia”.

Per il leader dell’Udc Pierferdinando Casini, bisogna mettere da parte le divergenze politiche e pensare al bene del Paese, che rischia di essere invaso dagli immigrati in fuga dall’Africa: “Maggioranza e opposizione non devono prendere lo spunto dalla Libia per scontrarsi ancora una volta su Berlusconi. Qui rischiamo di importare una catastrofe in materia di immigrazione. E di fronte a questo, ma chi se ne importa di Berlusconi”.

Per il Pd l’intervento del presidente del consiglio sul caso Libia è tardivo, visto che le violenze del regime di Gheddafi erano state condannate dall’Europa già la scorsa settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.