Elezioni Napoli: De Magistris presenta esposto, incendiato comitato Lettieri

Elezioni amministrative Napoli 2011-Questa notte a Napoli, il comitato elettorale di Gianni Lettieri, in via Palepoli, è stato dato alle fiamme, distruggendo tutto il materiale elettorale e i 26 gazebo che dovevano essere impiegati oggi nel comizio di chiusura del candidato del Pdl. Questo è, l’episodio finale, di chiusura di una campagna elettorale durissima contraddistinta da accuse reciproche tra i candidati. Lettieri, intervistato, ha detto: “Considero Luigi De Magistris moralmente responsabile degli episodi di violenza che dal 15 aprile in poi si sono susseguiti nei miei confronti e dei miei collaboratori, da ultimo l’incendio appiccato questa sera ai locali del mio comitato elettorale. Siamo tornati agli anni di piombo”, ha po proseguito affermando: ” Addebito a De Magistris  la responsabilità di non aver mai preso le distanze dai numerosi episodi di violenza che hanno contrassegnato la campagna elettorale”.

Ma De Magistris non ci sta nel passare da responsabile dell’attentato, rifiuta le accuse di Lettieri, e presenta un esposto in procura.

In un’intervista all’ANSA, De Magistris ha affermato: “Avevo già previsto che avrebbero tirato fuori a poche ore dal voto un tentativo di inquinamento democratico: oggi presenterò un esposto alla procura della repubblica di Napoli, sia sul voto di scambio che stanno portando avanti persone vicine al candidato Lettieri, sia sul tentativo di strategia della tensione messo in atto da ambienti e personaggi che stanno sostenendo la candidatura di Lettieri”. Lo annuncia in riferimento ad alcuni episodi degli ultimi giorni e, in particolare, all’incendio doloso della scorsa notte nella sede del comitato elettorale del suo avversario.

Nel corso della dichiarazione rilasciata, De Magistris sottolinea di respingere sempre e comunque ogni forma di violenza, anche se di natura strumentale. Sottolineando che: “ La mia storia di magistrato che ha sempre contrastato ogni forma di violenza e di deviazione occulta anche all’interno delle istituzioni mi consente di andare a testa alta e di respingere ogni insinuazione sulla responsabilità di un clima di violenza che non ha mai caratterizzato la nostra campagna elettorale”, ha detto l’ex magistrato, interpellato dall’Ansa. “Anzi – prosegue De Magistris – mi auguro che la magistratura faccia piena luce su questo episodio, su paventati ritorni ad anni di piombo inesistenti e su aggressioni inventate, in modo tale da evitare che si possa inquinare una straordinaria campagna elettorale che sta portando a una svolta storica e alla mia vittoria in questa città. Non consentirò a nessuno di insinuare condotte violente – sottolinea De Magistris – attribuibili a me e a tutti i concittadini che mi stanno sostenendo. Abbiamo dalla nostra parte la ragione delle idee, il pacifismo, la passione e la non violenza. Sono altri, evidentemente, che hanno interesse a turbare un clima elettorale che sta invece conducendo a restituire ai napoletani il protagonismo civico che meritano”. Poi l’ex magistrato conclude: “Dal momento che la nostra campagna elettorale è caratterizzata da passione, entusiasmo e militanza politica spontanea, e dal momento che stiamo ad un passo da un successo storico, nessuno di miei sostenitori avrebbe il più lontano interesse ad esercitare qualsiasi atto anche solo di sberleffo nei confronti del mio avversario ed è per questo che solo la magistratura nella sua autonomia dovrà accertare chi sta cercando in queste ore con ogni mezzo di turbare l’inevitabile corso degli eventi”.

One response to “Elezioni Napoli: De Magistris presenta esposto, incendiato comitato Lettieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.