Bonus bebè, ottomila famiglie dovranno restituirlo

Ottomila famiglie dovranno restituire il bonus bebè del valore di mille euro. Questa la decisione secondo la quale, chi ha ricevuto tale bonus cinque o sei anni fa, dovrà renderlo indietro. Ma per quale motivo ottomila famiglie si sono trovate a ricevere dei soldi che in realtà non gli sarebbero spettati? Naturalmente secondo il governo sarebbero stati i genitori a non aver capito quali fossero i parametri con cui si poteva accedere a tale beneficio. Quindi nessun errore di comunicazione da parte del governo. Secondo Giovanardi, ?sottosegretario con delega alla famiglia, ottomila famiglie sulle cinquecentocinquantamila che hanno fatto domanda per il bonus, non sono molte e bisogna ridimensionare il caso. Per Giovanardi sarà sufficiente che chi pensa di essere in possesso dei requisiti necessari alla ricezione del bonus, potrà farlo presente all’amministrazione. Per coloro che invece non rientrano nei parametri, sarà sufficiente “restituire i mille euro ricevuti cinque anni fa”. Giovanardi quindi commenta la situazione dicendo: “non mi sembra un scandalo nazionale“.

Sono state queste le parole di Giovanardi ai microfoni di Radio 24. Per lui si tratta di “un prestito di sei anni senza interessi“. Semplicemente, coloro che hanno ricevuto il bonus bebè nonostante non rientrassero nei parametri, avrà beneficiato in questi anni di mille euro, ed ora Giovanardi non vede quale sia il problema nel renderli indietro.

Chissà quale sarà la reazione di coloro che, presentando regolare domanda sei anni fa per ricevere il bonus bebè di mille euro, si ritroveranno a doverli restituire. Sicuramente la faccenda non piacerà a queste famiglie italiane, probabilmente non sufficientemente informate al momento della domanda da chi di dovere.

A.D.

3 responses to “Bonus bebè, ottomila famiglie dovranno restituirlo

  1. Per Giovanardi e soci non è uno scandalo nazionale…mille euro li spendono in una notte per una escort…cosa volete che siano per loro?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.