Foxconn partner Apple: esplode la fabbrica

Bruttissima vicenda quella di queste ore, in un impianto cinese della grande Foxconn che ricordiamo, è il principale partner Apple, è avvenuta un’esplosione divampata in un incendio.
La situazione è abbastanza grave, secondo i reporter apprendiamo che due persone sarebbero morte proprio a causa dell’esplosione, e altre 16 sarebbero gravemente ferite dalla grande esplosione verificatasi.
A quando sembra, l’esplosione è avvenuta tra le linee di montaggio dell’iPad, ricordiamo, infatti, che Foxconn è il principale partner Apple, nella fabbricazione e assemblaggio di tutti i suoi prodotti.
Le cause dell’esplosione in questo momento sono ignote, le autorità non escludono possa trattarsi di un atto vandalico o nel peggior dei casi di un sabotaggio, alla produzione senza sosta dei prodotti Cupertino, qualcuno formula anche l’ipotesi che alcuni dipendenti avrebbero agito di proposito al fine di fermare la produzione dell’iPad per consentire alla concorrenza di trarne beneficio.

Sinceramente data la gravida della situazione, personalmente mi sembra il caso di concentrarsi maggiormente sulla morte di due operai e delle ferite degli altri, che su complotti campati in aria.
Sta di fatto, che per placare l’incendio sono intervenuti dieci automezzi dei pompieri, diverse autombulanze che hanno condotto i feriti nelle strutture sanitarie di Chuengdu.
La produzione è ora ferma, in attesa d’indagini e riparazioni delle strutture stesse.
Ricordiamo che Foxconn non è solo la fabbrica di produzione dei prodotti Apple Cupertino ma in sostanza quasi tutti i dispositivi elettronici sono prodotti o assemblati da oltre 1 milione di dipendenti, proprio dalla Foxconn stessa.
Foxconn è nel mirino delle indagini sia di Apple sia delle autorità da diverso tempo, il numero di suicidi dei propri dipendenti e la mancanza di sistemi di sicurezza sono da sempre preoccupanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.