E’ stato arrestato l’assassino di Alessio Madeddu lo chef di 4 ristoranti

alessio madeddu

La notizia dell’omicidio di Alessio Madeddu ieri è partita dalla Sardegna e ha fatto il giro dell’Italia intera. Il fatto che fosse un volto noto al pubblico, che lo aveva visto nella trasmissione 4 ristoranti, ha fatto si che ci fosse maggiore interesse intorno a questa vicenda. Un terribile omicidio, purtroppo, con una svolta nella notte, arrivata dopo la confessione dell’assassino di Madeddu. Lo chef 52enne di Teulada era stato trovato senza vita ieri mattina davanti al suo locale “Sabor’e Mari”, al porto vecchio, ucciso a colpi di accetta.

Davanti al pm Rita Cariello il racconto di Angelo Brancasi, panettiere di Sant’Anna Arresi, che avrebbe agito per motivi passionali. Un giallo che si è risolto poche ore dopo l’omicidio, con l’assassino che oggi ha un volto, e un nome. All’uomo, accusato di aver colpito a morte Madeddu con un’arma da taglio, probabilmente un’accetta, i carabinieri sono risaliti attraverso testimonianze e le immagini del sistema di videosorveglianza.

Alessio Madeddu ucciso a Teulada: confessa il suo assassino

L’assassino ha raccontato di aver attirato fuori dalla dependance lo chef; Alessio Madeddu infatti era ai domiciliari in seguito alla condanna per un duplice tentato omicidio, poi lo ha ferito lungo il vialetto, infine i fendenti fatali. Lo chef ha cercato d scappare, correndo verso casa ma ormai le ferite mortali erano state inflitte.

Brancasi, difeso dall’avvocato Roberto Zanda, è stato trasferito a Uta.

Sono stati nel frattempo acquisiti i filmati delle telecamere usate dal cuoco – conosciuto per la sua partecipazione al programma di Alessandro Borghese “4 ristoranti” – per controllare la zona. Dopo la notorietà arrivata anche grazie alla trasmissione televisiva, l’ultimo periodo era stato molto complicato per Madeddu che aveva anche smesso di usare i social da quando era agli arresti domiciliari. Aveva comunque molti amici che lo ricorderanno per la sua simpatia e il suo modo di fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.