Ricette all’Italiana: facciamo baccalà in umido con prugne secche di Anna Moroni

Che cosa si cucina oggi con Anna Moroni e Davide Mengacci? Come sempre arrivano delle ricette da non perdere dal programma di Rete 4 Ricette all’Italiana. Nella puntata del 13 novembre 2019 Anna Moroni ci ha deliziato con la ricetta del baccalà in umido che noi quindi vi proponiamo. La ricetta è quella del baccalà in umido con prugne secche. Che ne dite perfetta magari anche per la cena della vigilia di Natale, non trovate?

RICETTE ALL’ITALIANA: FACCIAMO BACCALA’ IN UMIDO CON PRUGNE SECCHE DI ANNA MORONI

Ecco la lista degli ingredienti che ci servono per la preparazione di questa ricetta:

600 g baccalà bagnato, 300 g patate, 200 g prugne secche, 300 g pomodori maturi, 1 carota, 1 cipolla, 1 costa di sedano, prezzemolo, sale, pepe, semola di grano duro

Pochi e semplici ingredienti per portare in tavola una super ricetta. Vediamo tutti i passaggi.

Prendiamo il nostro baccalà che abbiamo in precedenza bagnato e lo passiamo nella semola di grano duro,  quindi li facciamo rosolare in padella con un dito d’olio ben caldo. Lasciamo dorare su tutti i lati. Appoggiamo i filetti sulla carta assorbente.

In una pentola, nel frattempo, facciamo soffriggere il trito di sedano, carota e cipolla. Dopo pochi istanti, uniamo i pomodori maturi tagliati a pezzetti piccolini e le patate tagliate a listarelle. Lasciamo cuocere, coperto, finchè le patate son cotte, aggiungendo dell’acqua quando serve.

Tagliamo le prugne secche denocciolate e rinvenute in acqua a pezzetti piccoli. Uniamo il baccalà già rosolato e le prugne al sugo di pomodoro ormai pronto. Profumiamo con il prezzemolo tritato e lasciamo insaporire sul fuoco per qualche minuto ancora. Se serve, aggiustiamo di sale. Ed ecco che il nostro baccalà è pronto, che ne dite?

Vi ricordiamo che tutte le ricette di Anna Moroni sono disponibili su Mediaset Play. Potrete rivedere anche le puntate intere del programma di Rete 4 in streaming.

Vuoi leggere altre ricette come questa?

SCOPRI IL CANALE TELEGRAM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.