Ricette da Geo: quadretti in brodo matto per le feste ma non solo

Si cucina anche nelle feste con i protagonisti di Geo. Dalla puntata del 26 dicembre 2019, puntata di Santo Stefano, arrivano le ricette con il brodo! Nella cucina di Sveva Sagramola, su Rai 3, Alessandra Bazzocchi e Roberto Casamenti da Pianetto di Galeata (Forlì) hanno preparato due buonissime ricette a base di brodo. Dopo la ricetta dei cappelletti in brodo ecco la ricetta dei quadrettini in brodo matto. Che ne dite di questo piatto?

Vediamo come si prepara.

RICETTE GEO PER LE FESTE: FACCIAMO QUADRETTINI IN “BRODO MATTO”

Per 4 persone
250 g ritagli della sfoglia dei cappelletti
3 uova intere
200 g farina 0
un pizzico di sale
Per il brodo
2 carote
2 coste di sedano
1 cipolla piccola
3 cucchiai di olio evo
2 cucchiai di salsa di pomodoro
qb sale e pepe
Procedimento: e adesso passiamo alla preparazione di questo piatto.
Tagliare a cubetti molto piccoli il sedano, le carote e la cipolla. In una pentola far rosolare le verdure con l’olio per alcuni minuti , aggiungere la salsa di pomodoro, salare e pepare e infine aggiungere un litro d’acqua e lasciar bollire per venti minuti con il coperchio.
Nel frattempo sulla spianatoia porre a fontana la farina e il sale, scocciare le uova al suo interno e lavorandole con una forchetta incorporarle alla farina.
Comporre un impasto omogeneo. Formare una palla e lasciare riposare in luogo fresco per un paio d’ore coperta. Stendere la sfoglia . Tagliare in piccoli quadrati.
Nella tradizione i quadrettini si ricavano dai ritagli della sfoglia che avanza una volta fatti i cappelletti.
Cuocere i quadrettini nel brodo che bolle per qualche minuto da quando il brodo riprende il bollore.
Impiattare ben caldo con una spolverato di parmigiano o un goccio d’olio a piacere.

Che ne dite? Ricetta perfetta per i freddi giorni invernali, assolutamente da provare a fare in casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.