Pigrizia: secondo la scienza fa lavorare meglio

La pigrizia impedisce di lavorare bene? Assolutamente no, ed è la scienza stessa a dirlo. Addirittura la pigrizia aiuterebbe a lavorare meglio. Alcuni studi effettuati negli USA, dimostrerebbero che il riposino pomeridiano e il relax aumentano la produttività sul posto di lavoro. Dunque, se volete rendere in maniera più efficiente in ufficio, avrete bisogno di riposarvi nel corso del pomeriggio, e di vivere con maggiore relax. A migliorare la qualità del lavoro, gioverebbero dunque più ore di sonno, oltre all’attività fisica quotidiana e a vacanze più frequenti. Il riposo pomeridiano, spesso considerato da tutti come un momento di perdita di tempo, sarebbe invece un ottimo alleato per migliorare l’attenzione. Naturalmente, maggiore è la durata del “sonnellino”, e più se ne traggono effetti positivi. Ad esempio sarebbe auspicabile, per coloro che si occupano di controllare il traffico aereo durante la notte, dormire circa 40 minuti nel corso del pomeriggio, in quanto se ne ricaverebbe una maggiore prontezza di riflessi. Un riposo pomeridiano che va da un’ora a un’ora e mezza, invece, ha avuto sui test di memoria lo stesso effetto di 8 ore notturne di sonno.

A dimostrare che essere “pigri” gioverebbe alle nostre attività quotidiane è stata Cheri Mah, ricercatrice di Stanford, la quale ha analizzato una squadra di basket. E’ così giunta alla conclusione che, dormendo almeno 10 ore ogni notte, i ragazzi esaminati miglioravamo in modo evidente nel loro modo di giocare a basket, con performance di livello più alto.

Dunque, non è più vero che “chi dorme non piglia pesci“? Pare che sia il caso di rivedere questo famoso proverbio, in quanto è probabile che, chi dorme di più, raccolga maggiori frutti nelle sue attività quotidiane. La pigrizia aiuta ad essere più proficui. Il consiglio è dunque quello di essere sempre ben riposati, per poter portare avanti il proprio lavoro al meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.