Ora legale, causa irritabilità nei bambini

L’ora legale è entrata in vigore nel corso della scorsa notte, e le lancette dell’orologio sono state spostate in avanti di un’ora, in coincidenza con la Santa Pasqua. Questo spostamento di orario porterà porterà i bambini di età compresa tra 0 e 8 anni a soffrire di sonnolenza, malumori e irritabilità. Italo Farnetani, pediatra, ha spiegato che “il nuovo orario ha l’effetto di un viaggio da Milano a Londra”, con le conseguenze che ha il jet lag, “ed espone i piccoli, ma anche un 3% di adulti, al rischio di insonnia notturna e sonnolenza di giorno”. Alla luce di questa situazione, non bisogna “andare a letto troppo presto, o quando ancora non si ha sonno”. I genitori non dovranno mandare il bambino a letto come al solito, ma quando si nota in lui la sonnolenza. Lasciatelo dormire quanto vuole la mattina seguente, così che abbia la possibilità di recuperare a pieno. Mandandolo a letto troppo presto, invece, si rischierà di farlo svegliare un’ora prima rispetto al resto della famiglia.


Di solito, i problemi legati al cambiamento di orario durano vari giorni. Quest’anno però, data la coincidenza con la Pasqua e dunque con le vacanze scolastiche, sarà molto più semplice per il bambino recuperare: basteranno tre giorni e tutto rientrerà nella norma. E’ importante che passi del tempo all’aria aperta, giocando e correndo, così da stancarsi e andare a letto facilmente, oppure stare in casa a giocare con gli amichetti. Anche quest’ultima attività stancherà il bambino, rendendo più semplice prendere sonno.

Dunque, se il vostro piccolo manifesta malumore e irritabilità, è solo colpa dell’ora legale, e il tutto tornerà nella norma nell’arco di pochi giorni, complice la Pasqua.

One response to “Ora legale, causa irritabilità nei bambini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.