La madre che obbliga la figlia di 14 anni a restare incinta

Una madre ha obbligato la figlia adottiva di 14 anni a un’inseminazione artificiale, facendole partorire un figlio. La donna aveva acquistato il kit per l’inseminazione su un sito web. È una storia che lascia perplessi. Giungono notizie dal Regno Unito dove la madre sciagurata è stata condannata per violenza sui minori. La ragazzina ha dato alla luce il figlio dopo svariati e mancati tentativi. Nel 2008 la baby-mamma aveva solo 13 anni quando la madre adottiva, non potendo avere figli e avendone adottate già due, era intenta nel chiedere un altro affidamento. La sentenza del giudice al riguardo fu negativa. I documenti del processo rivelano che la donna avrebbe acquistato lo sperma su un sito web Cryos, una delle maggiori «banche del seme» con sede in Danimarca. Successivamente, ha costretto la figlia a praticare il processo di inseminazione artificiale da sola, in camera sua, usando il kit fornite dal sito. Durante i diversi tentativi andati in fallimento nel corso di due anni, la ragazzina, a 16 anni, è riuscita a rimanere incinta. La ragazzina ha dichiarato di aver accettato la proposta indecente della madre, prestando il proprio il corpo, perché le voleva bene. La donna aveva cresciuto le figlie rigidamente, tenendole lontane dai loro coetanei, e facendole studiare a casa. Questa triste storia è stata “partorita” nel 2011. Durante il ricovero post parto della ragazzina in ospedale, le ostetriche hanno notato dei comportamenti alquanto insoliti della madre: impediva alla figlia di allattare al seno il neonato. La donna aveva poi tentato di portar via  il neonato dall’ospedale, ma è stata tempestivamente bloccata dai servizi sociali. In merito a questo caso, che ha lasciato sotto choc il Paese, adesso sono aperte delle indagini e sono stati potenziati i controlli all’interno delle varie famiglie adottive e, soprattutto, una questione da esaminare con accuratezza è la facilità con cui è possibile trovare sul web questi kit di inseminazione artificiale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.