Roma, turista 12enne fa graffiti sul Colosseo e il padre gli fa da palo

A Roma un turista 12enne fa dei graffiti sul Colosseo mentre il padre gli fa da palo. Un’incredibile storia che fa capire come alcune persone diano uno scarso valore alla cura dei beni dell’arte. Il Colosseo, patrimonio di Roma e dell’umanità è stato fatto vittima di graffiti da parte di un giovane turista 12enne. Non solo: il padre gli faceva da palo. Il giovane aveva già scritto le prime due lettere del suo nome quando è stato notato da personale della Soprintendenza, che ha allertato i Carabinieri della Stazione Roma Celio. Che a farlo sia un bambino è anche comprensibile, ma che un adulto avalli la cosa non è comprensibile. Ai bambini in primis bisogna insegnare a rispettare i beni pubblici, in modo tale che tutti ne possano godere. È stato così denunciato un australiano 45enne per imbrattamento un bene di interesse storico. Ovvero il padre, complice di aver incentivato il ragazzo. Il muro, in laterizio, risale a fine ‘Ottocento/inizio ‘Novecento. Il figlio non è imputabile in quanto minorenne. Quando il 12enne è stato scoperto a fare i graffiti, il padre ha provato a cancellare le scritte, ma è stato fermato dai Carabinieri. Questi ultimi hanno anche sequestrato il sasso, che sarà esaminato dagli esperti della Soprintendenza per verificarne l’epoca e l’eventuale interesse storico in modo da fare una multa adeguata all’uomo. Fin quando è un ragazzo a voler lasciare il suo nome come ricordo indelebile su un luogo di intere storico passi, ma che il padre non gli insegni le basi del rispetto e dell’educazione non è tollerabile. Proprio nei giorni scorsi è stata ripulita la collinetta del Celio dopo la denuncia dell’agenzia Ansa. Una teoria sociologica stabilisce che più decoroso sia il decoro urbano e maggiore sia l’attaccamento dei cittadini. Per questo è bene insegnare a tutti il rispetto per le opere d’arte e l’ambiente.

One response to “Roma, turista 12enne fa graffiti sul Colosseo e il padre gli fa da palo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.