Elefante duetta con un pianista suonando la tastiera (VIDEO)

Un elefante duetta con un pianista suonando la tastiera. Questo particolare duo di musicisti è andato in scena in Thailandia. Il famoso pianista Paul Barton, sin dal 1996, si esibisce per un pubblico di elefanti e ha spiegato così la sua particolare scelta di pubblico: “La musica che esprime emozioni è spesso apprezzata dagli elefanti. Qualcuno ha anche uno straordinario senso del ritmo. Possono capire le emozioni e sentono l’amore e il dolore come noi”. Evidentemente, si era stufato di vederli come spettatori passivi e così ha scelto di far diventare attivo il suo pubblico. Così facendo invita un elefante a duettare con lui, suonando la tastiera con la sua proboscide. Nella sua ultima esibizione avvenuta presso un santuario thailandese, l’elefante Peter si è unito a Barton cercando di suonare anche lui le tastiere in un memorabile duetto, mentre un elefante più giovane balla al ritmo della musica e un’amica dell’uomo guarda divertita la scena. Come è possibile vedere dal video, il simpatico animale prima muove la sua proboscide sulle spalle del pianista. Il divertito Barton gli spiega che non deve toccare le sue spalle, ma la tastiera. L’elefante capisce al volo e si fa avanti. Ha così inizio questo spassoso duetto. C’è da dire che l’elefante non ha il ritmo giusto del pianista, ma ha sicuramente un tocco più forte. Però ha forza d’animo e voglia di imparare: dopo i primi tocchi di proboscide piuttosto forti, l’animale impara a essere più delicato e alterna dei tocchi alla tastiera ad altri sulla testa di Barton. L’uomo, per niente intimorito dall’elefante prosegue a suonare la tastiera divertito. Un esperimento niente male quello messo in scena dai due. Il duetto con la tastiera non sarà perfetto dal punto di vista tecnico, ma come inizio non c’è male. Chissà che l’uomo non decida in futuro di esibirsi in tour con l’animale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.