Si erano fotografate in intimo, assolte quattro 18enni


Ad Arenzano, in provincia di Genova, un giudice di pace ha assolto quattro giovani denunciate nel 2010 per aver scattato l’un l’altra delle foto giudicate troppo osè dalla madre di un bambino. L’episodio era avvenuto all’interno del parco di villa Negrotto Cambiaso. Tra le motivazioni della decisione, il fatto che in tv si vede di peggio.
Quattro 18enni nel 2010 erano state denunciate per atti contrari alla pubblica decenza, in seguito ad alcune fotografie particolarmente osè. La denuncia era partita da una donna, che in compagnia del proprio bambino si era imbattuta nelle quattro giovani. A distanza di quattro anni dall’episodio, la decisione del giudice di pace è stata chiara: le ragazze vanno assolte per “la particolare attenuità del fatto”.
Il quotidiano Leggo ha riportato le parole delle legali delle quattro ragazze: “In televisione – ha dichiarato l’avvocato Giusy Morabito a Leggo – durante la fascia protetta si vedono immagini ben più spinte, anche nelle varie pubblicità, rispetto a come si presentavano le quattro ragazze che, tutto sommato, si erano anche posizionate vicino ad alcune siepi“. Di parere simile anche gli altri legali, Alberto Grondona e Donatella Costa.
Di avviso diverso, invece, sarà la madre del bambino, anche se la stessa converrà che in televisione o sui social network non è difficile trovare tracce di un esibizionismo ben più spinto di qualche scatto in intimo.


Leggi altri articoli di Curiosità

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close