Roma, taroccati i manifesti elettorali di Alfano per le elezioni europee

A Roma, sono stati taroccati i manifesti elettorali di Angelino Alfano. In vista delle elezioni europee, il segretario del Nuovo Centro Destra ha iniziato a fare propaganda a sé stesso e al suo partito tempestando la Capitale di manifesti elettorali. Lo slogan “Insieme al nostro coraggio” è rimasto tale e quale, ma l’immagine è stata taroccata. Il ritocco è stato eseguito dall’ironico artista Iginio De Luca. Sicuramente si tratta di una burla molto più riuscita di quella eseguita ieri da alcuni club di Forza Italia a Napoli. Alfano stringe i pugni e guarda in alto sorridente, ma l’artista gli ha messo coltello e forchetta all’interno dei pugni chiusi. È ovviamente un chiaro riferimento alla famosa battuta di Totò: “A proposito di politica, a che ora si magna?”. Manifesti elettorali taroccati hanno dunque modificato la candidatura per le elezioni europee del partito di Angelino Alfano. Nei quartieri di Roma Portuense e Marconi,  sono comparse due enormi posate tra le mani di Alfano, che sorride come se dovesse sedersi a un tavolo per gustarsi un buon pasto. Ma non solo: in un altro manifesto, al posto delle posate, nel pugno chiuso stringe una madonnina e in un altro un tipico corno napoletano. Insomma, un’ironia che può starci, anche se vagamente populista. D’altronde sembra che il nuovo partito di Alfano non aggiunga nulla a quelli presenti e di Nuovo, il suo Centro Destra ha solo il nome: i nomi dei militanti sono quelli che girano da anni nella politica italiana. Insomma, nei quartieri Portuense e Marconi di Roma, l’artista Iginio De Luca ha inscenato questi piccoli ritocchi ai manifesti elettorali di Alfano, che sicuramente non ha iniziato bene la sua candidatura per le elezioni europee agli occhi di molti romani che passeggiano nella Capitale. Il partito dell’ex delfino di Berlusconi è partito con l’ironia suscitata dagli utenti già a partire dal simbolo – giudicato poco fantasioso – e continua su questa strada, anche se stavolta non ci hanno messo lo zampino loro stessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.