Claudia Montanarini, da Uomini e Donne al carcere dopo la denuncia della fidanzata dell’ex marito

Ricorderete tutti Claudia Montanarini, ci rivolgiamo ovviamente a chi seguiva i primi anni di Uomini e Donne, quando era una trasmissione nuova e diversa da quella di oggi. Claudia è stata prima una bella presenza tra il pubblico del programma poi è diventata tronista e infine era passata al ruolo di opinionista. Oggi dopo anni la ritroviamo con una condanna a tre anni di reclusione per aver aggredito la fidanzata del suo ex marito. La storia non è nuova, avevamo già parlato dei reati di minacce, lesioni e corruzione legati alla Montanarini, tutto per amore o meglio per qualcosa di simile.

Arriva adesso la notizia che l’ex tronista di Uomini e Donne, sorella della showgirl Giulia Montanarini, è stata condannata con rito abbreviato per decisione del gup di Roma Fabio Mostarda. Ma cosa è accaduto alla bella Claudia? La vicenda risale al 2014, a quando la Montanarini scoprì la relazione del marito con un’altra donna e le si avvicinò minacciandola. Si trattò di una vera aggressione visti i reati che le sono stati contestati ma si parla di corruzione perché la ex tronista si era anche rivolta a due ex poliziotti. La richiesta era quella di aggredire o comunque si spaventare con ulteriori atti di intimidazione la vittima. I due ex agenti sono stati condannati per corruzione e stalking e si tratta di Lorenzo Valzano, che ha avuto 4 anni, e Massimiliano Cerrai, condannato a tre anni e otte mesi. Inoltre, tutti e tre gli imputati dovranno risarcire la ragazza con una provvisionale di 15mila euro. Per un caso è la stessa cifra con cui Claudia Montanarini assoldò i due poliziotti. La donna, dopo l’ennesima aggressione, decise di denunciare i fatti. Davvero non c’è bisogno di aggiungere altro, per quanto comprensibili le emozioni di gelosia e di rabbia vanno controllate ma giungere addirittura a pagare persone per minacciare una rivale in amore va ben oltre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.