Tatuaggi e coloranti pochi sicuri, cosa dobbiamo sapere davvero?

Tatuaggi e coloranti pochi sicuri, cosa dobbiamo sapere davvero? Ecco le ultime news

Tatuaggi nell’occhio del ciclone. Con il report “Safety of tattoos and permanent make-up”, sicurezza nei tatuaggi e nel trucco permanente, a cura del Joint Research Centre della Commissione Europea è stato lanciato l’allarme sui coloranti utilizzati per fare i tatuaggi. Nel documento è stata focalizzata l’attenzione sui controlli delle sostanze utilizzate. Innanzitutto è emerso che spesso i coloranti sono facilmente acquistabili su internet. In particolare sarebbero in circolazione oltre centro pigmenti per tatuaggi, provenienti per lo più dagli Stati Uniti tranquillamente acquistabili online senza alcuna garanzia di controllo. L’80% è di origine organica e più del 60% contiene azopigmenti, che rilasciano ammine aromatiche, potenzialmente cancerogene. La questione tatuaggi è molto delicata e bisogna sapere che se i coloranti non sono di qualità possono causare allergie. Un po’ come accade con i trucchi. Inoltre occorre tenere ben presente che si tratta di sostanze che entrano e restano nel nostro corpo a vita, per cui se non sono testate sulla pelle i danni per la nostra salute possono essere davvero gravi. Gli effetti collaterali che si possono manifestare dopo aver fatto un tatuaggio con coloranti con controllati sono aumentati: dalle allergie alle infiammazioni e infezione il passo è davvero breve. Inoltre è sempre aperta la questione sui tatuaggi cancerogeni. Ad ogni modo i problemi maggiori sono dovuti ai pochi controlli, alla poca sicurezza, alle norme igieniche non rispettate. Tutti fattori che mettono a rischio la nostra salute. A quanto pare poi sarebbero i tatuaggi colorati, molto diffusi non solo tra i giovani ma anche tra gli adulti, quelli più rischiosi. Per quanto riguarda il nostro Paese, accanto ai tatuatori competenti e professionisti esistono quelli che non rientrano in nessun elenco ufficiale. Dall’Europa è arrivato infatti il monito di stilare delle linee guida sovranazionali relative alle norme igieniche da rispettare. Insomma se si vuole fare un tatuaggio bisogna rivolgersi sempre a persone competenti, a dei veri professionisti che utilizzano coloranti e sostanze di qualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.