E’ nato il figlio di Meghan ed Harry? Tutto il mondo con il fiato in sospeso

La domanda delle domande. Se in Italia tutti continuano a chiedersi se Pamela Prati si sposerà o no l’8 maggio 2019, tutto il resto del mondo si domanda invece se il figlio di Meghan Markle ed Harry di Inghilterra sia nato o meno. Fino a pochi giorni fa la stampa britannica era pronta a giurare che il bambino era già nato e che sarebbe stato presentato poche ore dopo il compleanno della piccola Charlotte ( all’inizio la presentazione sarebbe dovuta avvenire la domenica di Pasqua). La sensazione però è che il figlio di Meghan ed Harry non sia ancora nato. Un caso mondiale che pensate, ha costretto anche le agenzie di scommesse a bloccare tutto, viste le tante puntate arrivate nelle ultime ore.

Il royal baby è già tra le braccia di mamma e papà? Sembrerebbe proprio di no visto che la notizia dell’ultima ora è un’altra. Secondo quanto riferisce la stampa britannica infatti, Meghan nelle prossime ore dovrebbe lasciare la casa dove si trova adesso per recarsi in ospedale. Visto che il suo primo figlio non sembra avere intenzione di nascere, la Markle dovrebbe optare per un parto indotto e questo necessiterebbe di un ricovero in ospedale.

Niente parto naturale in casa, come Meghan ed Harry avevano sognato per il loro primo figlio.

E’ NATO IL FIGLIO DI HARRY E MEGHAN? LE ULTIME NOTIZIE DAL REGNO UNITO

Secondo quanto riferisce il Daily Mail, nonostante l’attesa e il ritardo di una settimana, nella nascita, Meghan sarebbe rilassata e serena a Frogmore Cottage, la residenza dove vive con Harry in attesa di suo figlio. Secondo la stampa Britannica la duchessa del Sussex sarebbe in compagnia di sua madre Doria e di una delle sue migliori amiche, l’attrice americana Gayle King.

Nonostante il ritardo di una settimana, pare che Meghan sia molto rilassata e positiva e non abbia ancora perso la speranza di poter dare alla luce suo figlio in casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.