Ballarò 24 settembre, Crozza e la sua copertina satirica (VIDEO)

Ieri 24 settembre, su Rai3, è andata in onda una nuova puntata di Ballarò, programma condotto da Giovanni Floris. In apertura, come di consueto, Crozza e la sua copertina satirica che tanto piace agli amanti di questo programma. Come sempre, Crozza ha ironizzato sulla situazione del Bel Paese, esordendo nella sua copertina satirica con queste parole rivolte a Floris: “Giova, Ballarò è ancora italiano o lo hanno comprato i rumeni?“. Si tratta di un chiaro riferimento alla vendita di Telecom alla spagnola Telefonica, ma anche alle notizie di Alitalia.

Crozza ha così fatto una rassegna di tutte le aziende italiane che “lasciano” l’Italia e vengono acquistate da altri Paesi, per poi concludere dicendo: “E in Italia chi ci è rimasto? Balotelli. Ecco perché è così inc…..o! Perché è italiano! (…) Ci stanno comprando pezzo per pezzo (…)“.

Crozza di rivolge poi al viceministro dell’Economia Stefano Fassina: “Perché vendiamo tutto? Lo vorrei chiedere ad un grande economista. Fassina, ha mica il numero di Draghi?“. Crozza ha continuato chiedendo il perché dell’aumento dell’Iva, se l’obiettivo sarebbe quello di far ripartire i consumi.

Immancabile il riferimento a Silvio Berlusconi, ma anche a Papa Francesco, definendolo un misto tra Gesù e Zapata“, e a Matteo Renzi, che ha presentato il libro di Roberto Cavalli” dopo aver detto che “il Pd deve diventare più cool: “lo ha detto lui, con quella sua faccettina di ‘cuul’”.

Insomma, la copertina satirica di Crozza non delude le aspettative neanche questa settimana, facendo ridere ma anche riflettere sulla situazione italiana e sulla politica a rischio, forse troppo poco incentrata sulle esigenze dei cittadini e sul mantenere ancorato il Made in Italy.

https://www.youtube.com/watch?v=3_seHN7FrIU

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.