Filippo Magnini voleva un figlio da Federica Pellegrini, poi l’addio ma adesso è sereno (Foto)

Ormai è passato un anno dalla rottura tra Federica Pellegrini e Filippo Magnini e adesso che il campione di nuoto è sereno ne parla confidando che lui pensava ad un figlio, lei evidentemente no (foto). E’ in un’intervista a Libero che Filippo Magnini racconta che adesso è sereno, è passato un bel di tempo dall’addio della Pellegrini ed è sereno, felice, non si guarda certo più indietro, anche perché la sua ex fidanzata ha avuto tempo per ripensarci e tornare, ma non l’ha fatto. La ex coppia continua a seguirsi sui social a Natale si sono scambiate gli auguri ma di più è impossibile dopo tanto amore. Magnini è pronto a cambiare vita, ha deciso di lasciare il nuoto e si è lasciato il suo grande amore alle spalle. Voleva una famiglia, desiderava un figlio, ed è la cosa più normale quando due persone stanno insieme da tanto tempo.

La Pellegrini però non era pronta e Magnini dice la sua: “Io credo che per il 90% delle persone che stanno insieme da tanti anni, che arrivano alla mia età, sia normale sposarsi, desiderare dei figli – spiega a Libero – Ma, insomma, la cosa più normale era che desiderassi una famiglia. Ora però sono tranquillo, sereno”. Erano una coppia bellissima, avevano già superato una crisi, lui era pazzo di lei, era evidente, ma non è andata come nelle favole. Federica Pellegrini a L’Intervista di Maurizio Costanzo

Ci siamo fatti gli auguri a Natale, ci seguiamo sui social che trovo normalissimo… non è che cancello una persona. Niente di più. D’altronde è passato un anno, ormai, senza Federica. E ora sto bene”, sottolinea Filippo Magnini facendo capire che i rapporti con la sua ex sono ottimi. Cosa farà adesso Magnini? “Vorrei mettermi al servizio degli atleti, mi piace la boxe e stare sul ring” e ha detto no alla tv e a i reality.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.