Domenica 5 registrata, la tv al tempo della crisi

Mentre su Rai 1 si parlava della tragedia della Costa Concordia e in diretta si ascoltavano le testimonianze di chi c’era su quella nave, su canale 5 si parlava di evasori e di Cortina D’Ampezzo ( mostrando tra l’altro cose già viste e sentite anche a Pomeriggio 5). Domenica 5 con la conduzione di Federica Panicucci non è in diretta. Non è do certo questo il vero problema: dove sono i temi di attualità? Dove sono gli argomenti di cui la gente vuole sentir parlare? Questa è la tv al tempo della crisi ma del resto vi avevamo detto che per Mediaset sarebbe stato un 2012 all’insegna del risparmio. Certo è che risparmio non sempre è sinonimo di poco interessante, di visto e rivisto, di insignificante. Poco importa se dall’altra parte c’era Giletti con la sua Arena e Morandi in diretta che hanno svelato i nomi dei cantanti di Sanremo. Dov’è andata a finire la buona vecchia concorrenza? E’ questa la tv alla quale dovremmo abituarci?

Già in passato avevamo criticato le scelte della domenica pomeriggio che non erano altro che un rimpasto di tutto quello che avevamo visto durante la settimana. Fino a prima di Natale però almeno qualche intervista carina ce la siamo pure gustata anche perchè ribadiamo ancora una volta, che Federica Panicucci resta una grande professionista. Non è colpa sua se deve tirare la barca in questo mare tempestoso. Nulla è più come prima, non ha neppure il suo braccio destro, Gabriele Parpiglia che resta a casa. Paga troppo alta forse anche per gli ex gieffini. Poi non ci chiediamo come mai anche il Grande Fratello 12 va male. E’ tutta una catena. Se durante la settimana non si parla delle storie dei concorrenti, se la domenica non si fanno le macchine della verità, a chi interessa seguire poi la puntata del lunedì? Strane scelte quelle fatte da canale 5 ma soprattutto da Mediaset. Ci chiediamo: a questo punto non sarebbe stato meglio vedere un bel film invece che sentir parlare di temi che risalgono a due, tre settimane fa?

Cari telespettatori abituiamoci perchè questo è e questo sarà; del resto telecomando in mano, siamo noi gli artefici del nostro destino!

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.