Annalisa Minetti ricorda quando ha pensato al suicidio (Foto)

Ha sofferto molto Annalisa Minetti nella sua vita, ha pensato al suicido, ma oggi è una donna molto forte

Non si piange addosso Annalisa Minetti, non fa la vittima nemmeno quando accenna al suicidio (foto). Ospite a Oggi è un altro giorno ha raccontato in pochissimi secondi quel momento ma solo per fare comprendere a tutti che se cerca di motivare le persone a reagire e a vivere sempre è perché lei stessa ha superato momenti terribili. E’ un fiume in piena Annalisa Minetti, anche Serena Bortone non riesce a farle molte domande, dice tutto da sola, è evidente il desiderio di aiutare gli altri attraverso la sua esperienza. Se ce l’ha fatta lei ce la possono fare anche gli altri, è un po’ questo il suo messaggio mentre mescola momenti di dolore a quelli di gioia. E’ a 16 anni che ha pensato al suicidio, si è trovata alla finestra e ha pensato di buttarsi di sotto, questo perché è stata davvero vittima, di bullismo e di ogni altro dolore che durante l’adolescenza ha sostituito la gioia. Anche uscire con un ragazzo era difficile, chi avrebbe voluto accompagnarla sapendo di doverle tendere il braccio. 

ANNALISA MINETTI A OGGI E’ UN ALTRO GIORNO: “TUTTO QUESTO MI HA FORTIFICATO”

“Tutto mi ha fortificato perché non c’è una alternativa alla vita. La vita è così e noi siamo straordinariamente normali”. Sa che i suoi figli non avranno la sua stessa malattia, è un pericolo scongiurato ma alle mamme che dicono di avere la retinite e di non rischiare ad avere figli dice che è sbagliato. 

“Sbagliate perché è un errore non dare la possibilità di nascere. Se mia mamma non mi avesse messo al mondo mi sarei arrabbiata con la vita meravigliosa che ho fatto”. Il suo messaggio è chiaro, la sua forza è evidente ma Serena Bortone chiude rivolgendosi a chi soffre e non riesce ad avere il suo stesso entusiasmo per la vita. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.