Gerry Scotti come Carlo Conti: anche per lui collegamento da casa a Tu si que vales

Non sappiamo di preciso come stia Gerry Scotti, sappiamo che per fortuna è stato si in ospedale, dove potrebbe trovarsi ancora, ma che non è mai stato in terapia intensiva, e questo ci fa molto piacere! Nella puntata di Tu si que vales in onda ieri 14 novembre 2020 abbiamo visto Gerry in alcuni momenti in studio ( le puntate eran state registrate prima che risultasse positivo al covid 19). In altri momenti invece sulla poltrona, proprio come successo per Carlo Conti, è comparso il faccione di Gerry collegato da casa. Come saprete molte esibizioni di Tu si que vales e spezzoni del programma, sono stai registrati mesi fa, altri a quanto pare invece, sono più recenti.

Al momento il conduttore dovrebbe trovarsi ancora in ospedale, le sue condizioni di salute sono comunque buone. C’è però il rischio che nelle prossime puntate, le ultime di questa edizione, Gerry non ce la faccia a recuperare neppure per un collegamento, non è facile se si ha la febbre, la tosse molto forte e i sintomi di questo maledetto covid 19. La nostra speranza è che comunque, come successo anche per Carlo Conti e altri volti noti ( pensiamo anche a Giulio Golia ad esempio) Gerry possa recuperare e magari essere presente per la finale di Tu si que vales che dovrebbe essere in diretta, anche quest’anno.

GERRY SCOTTI ANCORA POSITIVO AL COVID 19: TU SI QUE VALES IN COLLEGAMENTO

Nessun accenno diretto a quello che sta succedendo a Gerry Scotti, anche se tutti sanno che il conduttore sta lottando contro il covid 19. Maria ha fatto notare a inizio puntata che in alcune occasioni lo avremmo visto seduto, in altre invece in collegamento da casa. E quando lo abbiamo visto collegato dal suo isolamento, Gerry ha voluto spendere delle parole per tutte le persone che gli sono state vicino in questo periodo “Ho ricevuto tante attestazioni in quei giorni, grazie a tutti voi, grazie davvero”.

In bocca al lupo Gerry noi facciamo sempre il tifo per te!

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.