Grecia va fuori da Eurolandia?

La Grecia potrebbe uscire dalla zona euro. È questa la dichiarazione sconcertante che appare oggi sul conto della Grecia. A farla è la commissaria Ue per la Pesca Maria Damanaki, che ha spiegato, sul suo sito, che un’uscita reale del paese greco dalla moneta unica è comunque in discussione. La crisi ha messo in ginocchio […]

Print Friendly

La Grecia potrebbe uscire dalla zona euro. È questa la dichiarazione sconcertante che appare oggi sul conto della Grecia. A farla è la commissaria Ue per la Pesca Maria Damanaki, che ha spiegato, sul suo sito, che un’uscita reale del paese greco dalla moneta unica è comunque in discussione.

La crisi ha messo in ginocchio la Grecia, nonostante i tagli e i forti cambiamenti che il governo sta attuando per riprendersi dal debito pubblico, anche se queste soluzioni hanno animato moltissime manifestazioni di protesta da parte del popolo greco.

La Damanaki è stata categorica. O si trova un accordo con i creditori, che riesca a dare ottimi risultati dopo gli enormi sacrifici a cui la Grecia si è sottoposta in questo periodo, oppure l’unica soluzione resta il ritorno alla dracma.

Non è dello stesso avviso Georges Petalotis, portavoce del governo greco, che esclude categoricamente un’uscita della Grecia dalla moneta unica. Ma le voci di un probabile abbandono circolano già da qualche tempo, non solo per quello che riguarda la Grecia che è uno dei paesi più colpiti dalla crisi economica.

La crescita, secondo l’Ocse, è diversa tra paesi sviluppati e quelli in via di sviluppo, questi ultimi non rischiano come i primi e quindi hanno un più alto tasso di crescita, che incide molto sul superamento della crisi economica.

Anche l’Italia arranca e non poco, nella ripresa economica, che vede molto lontana, nonostante le continue assicurazioni di Giulio Tramonti.

Dopo i primi anni in cui l’euro si era mostrato forte, adesso, con la crisi economica, tutti i paesi stanno soffrendo e on riescono a riprendersi dalla crisi. L’unico paese che sembra difendersi bene è la Germania che ha fatto un ottimo lavoro negli anni scorsi e adesso da raccogliendo i frutti di un’ottima gestione economica.

TC

Print Friendly

La Grecia potrebbe uscire dalla zona euro. È questa la dichiarazione sconcertante che appare oggi sul conto della Grecia. A farla è la commissaria Ue per la Pesca Maria Damanaki, che ha spiegato, sul suo sito, che un’uscita reale del paese greco dalla moneta unica è comunque in discussione.

La crisi ha messo in ginocchio la Grecia, nonostante i tagli e i forti cambiamenti che il governo sta attuando per riprendersi dal debito pubblico, anche se queste soluzioni hanno animato moltissime manifestazioni di protesta da parte del popolo greco.

La Damanaki è stata categorica. O si trova un accordo con i creditori, che riesca a dare ottimi risultati dopo gli enormi sacrifici a cui la Grecia si è sottoposta in questo periodo, oppure l’unica soluzione resta il ritorno alla dracma.

Non è dello stesso avviso Georges Petalotis, portavoce del governo greco, che esclude categoricamente un’uscita della Grecia dalla moneta unica. Ma le voci di un probabile abbandono circolano già da qualche tempo, non solo per quello che riguarda la Grecia che è uno dei paesi più colpiti dalla crisi economica.

La crescita, secondo l’Ocse, è diversa tra paesi sviluppati e quelli in via di sviluppo, questi ultimi non rischiano come i primi e quindi hanno un più alto tasso di crescita, che incide molto sul superamento della crisi economica.

Anche l’Italia arranca e non poco, nella ripresa economica, che vede molto lontana, nonostante le continue assicurazioni di Giulio Tramonti.

Dopo i primi anni in cui l’euro si era mostrato forte, adesso, con la crisi economica, tutti i paesi stanno soffrendo e on riescono a riprendersi dalla crisi. L’unico paese che sembra difendersi bene è la Germania che ha fatto un ottimo lavoro negli anni scorsi e adesso da raccogliendo i frutti di un’ottima gestione economica.

TC

Print Friendly
0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>