I selfie con amici aumentano il rischio di contrarre pidocchi?

Il famoso autoscatto, ormai soprannominato per la moda di tirare fuori parole straniere anche quando non è necessario, il selfie sta spopolando in rete. Ma è vero che farlo con i propri amici aumenta il rischio di contrarre i pidocchi? In America si è parlato del tema a causa delle diffusione di pidocchi tra gli adolescenti. Secondo gli operatori di alcuni centri privati specializzati nella rimozione dei parassiti, il boom sarebbe dovuto alla recente mania dei selfie. Facendoli con i propri amici, i capelli entrano in contatto e questo aumenterebbe il rischio di contrarre pidocchi. Marcy McQuillian, operatrice di uno dei centri specializzati nella rimozione di questi parassiti dai capelli ha così spiegato: “Solitamente tratto bambini piccoli. Per loro c’è un maggiore rischio che le teste vengano a contatto, ma ora gli adolescenti avvicinano le teste ogni giorno per scattare le foto con i cellulari“. A confermarlo ci pensa anche un ambulatorio di Oakland secondo il quale la tesi sarebbe plausibile perché il contagio avviene tramite il contatto diretto, sia guancia a guancia che tra capelli e capelli. Esiste anche chi sostiene che il tutto sia un’invenzione per far pubblicità a tali centri. Ad esempio, il dottor Richard Pollack, della School of Public Health dell’università di Harvard, sottolinea che gli adolescenti hanno sempre avuto i pidocchi e non c’è nessuna prova del legame con gli autoscatti. Quest’ultimo ha spiegato infine che quando apre un nuovo centro nasce una sorta di allarme legato a qualche  fenomeno in particolare. Insomma, non è chiaro se fare i selfie con gli amici aumenti il rischio di contrarre pidocchi. Di certo, pare aumentare la notorietà di questi centri per taluni. Per sicurezza, è inutile spiegare che è sempre buona norma curare il proprio igiene personale ed evitare di entrare in contatto con altri o con oggetti toccati ogni giorno da sconosciuti, a meno che non sia strettamente necessario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.