Come proteggere i bambini dalle scottature, ci pensa un’app


L’estate si avvicina e i bambini finalmente si godranno sole e male: compito delle mamme è evitare scottature e proteggere la loro pelle delicata. Quest’anno le aiuta un’app. Vediamo come funziona. Le previsioni meteo dei prossimi giorni ci suggeriscono che l’ondata di maltempo sta finalmente per concludersi.

La tentazione di esporsi ai primi raggi del sole è molto alta. E’ fondamentale però proteggere accuratamente la pelle, soprattutto quella dei più piccoli. Anche se il cielo appare nuvoloso i raggi del sole filtrano e arrivano sulla pelle. Altro luogo comune da smontare è che le carnagioni scure, meno esposte al rischio di scottature, richiedano una protezione più blanda. Molte mamme apprezzeranno l’applicazione nata da un’idea utilissima della Fondazione Melanoma. Sullo smartphone viene visualizzata in tempo reale l’intensità dei raggi solari ai quali siamo sottoposti e quindi vengono suggerite le dovute precauzioni da prendere. In base all’intensità infatti cambia il filtro protettivo della crema solare. L’app contiene inoltre una serie di preziosi consigli per affrontare al meglio i raggi solari ed evitare scottature. Un vademecum utilissimo per tutti i genitori. E’ importante prima di tutto proteggere la testa e il volto dei più piccoli, che sono le zone più delicate e a rischio, con occhiali da sole e cappellini. Bisogna chiaramente anche tenere a mente che, alle prime esposizioni, i raggi appaiono sulla pelle particolarmente aggressivi. Scegliere prodotti di qualità è fondamentale per tutelarsi ed evitare l’insorgere di melanomi. Anche se le creme solari sono water resistent è sempre meglio spalmarla di nuovo sulla pelle asciutta dopo il bagno. Inoltre, visto che l’estate è alle porte, è bene ricordare che i prodotti solari hanno una scadenza: no quindi al riciclo delle confezioni aperte e avanzate dall’estate dell’anno passato. Un’applicazione appoggiata dai dermatologi e socialmente utile per godersi l’estate in maniera intelligente e senza rischi.


Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close