Metereopatia, ecco perché odiamo la pioggia in estate

Perché odiamo la pioggia in estate? La spiegazione è data dalla metereopatia: un problema che affligge migliaia di persone. Per anni è stato discusso se fosse un fenomeno esistente o di qualcosa che si avvicinasse a una sorta di leggenda metropolitana. In questa estate tormentata, si moltiplicano i malesseri causati dal maltempo. Dal cattivo umore alle cefalee, gli stati di ansia, l’irrequietezza, l’astenia, abulia, insonnia, depressione, ecc. A soffrirne di più sarebbero le donne. Agosto dovrebbe migliorare, ma non totalmente. Se il Sud è stato quasi esente dall’instabilità di questi mesi, al Centro-Nord sono molti i fenomeni improvvisi di temporali che hanno rovinato gran parte delle vacanze.

Metereopatia, come il maltempo influenza il nostro umore – LEGGI QUI

La pioggia in estate è odiata da tutti, ma pochi si sono chiesi perché la odiamo realmente, eccezion fatta per l’ovvia risposta che rovinerebbe le vacanze e le uscite. A subire maggiormente il clima incerto in questo periodo sono le donne. I sintomi sono quelli descritti sopra, ma l’elenco è ancora più lungo. Tuttavia, sono semplici malesseri che non destano preoccupazioni a lungo termine. Il rimedio è quello di bere molto e non andare a dormire troppo tardi. Consigliate le assunzioni di cibi contenenti potassio, magnesio, zinco, ferro e rame. Per problemi di sonno, è meglio ricorrere a rimedi naturali quali camomilla e infusi vari.

La scienza conferma: la metereopatia esiste – LEGGI QUI

Ad agosto vi sarà una maggiore stabilità e questo potrebbe diminuire la continua pioggia che non ha lasciato tregua a questa estate. Tuttavia, non sarà un mese totalmente esente da temporali e maltempo. Insomma, se questi giorni vi sentite particolarmente apatici, avete mal di testa, problemi con il sonno e quant’altro, la risposta potrebbe essere legata al maltempo. Per questo non bisogna allarmarsi e avere fiducia. Già a partire da domani le condizioni dovrebbero migliorare in tutta Italia e le vacanze possono finalmente iniziare per tutti, o quasi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.