Come togliere le ragnatele e tenere lontani i ragni

Anche in una casa perfettamente pulita, una ragnatela nascosta in un angolo riesce a dare subito il senso di sporco e trascuratezza. Ecco come toglierle in modo definitivo ed impedire che si riformino tenendo lontani i ragni in modo naturale. Che cosa favorisce il formarsi delle ragnatele? Non si tratta necessariamente di luoghi sporchi (questo è un falso mito da sfatare come nel caso dei pidocchi tra i capelli).

RAGNI, COME RICONOSCERE QUELLI VELENOSI

Bisogna prima di tutto tenere presente che i ragni preferiscono gli spazi poco frequentati: solitamente si annidano in angoli della casa freschi ed asciutti, possibilmente al buio o con poca luce.  Prediligono chiaramente posti dove sanno di poter trovare piccoli insetti come prede: è proprio con le ragnatele che li catturano per poi nutrirsene. Queste ultime funzionano quindi come delle trappole trasparenti e filamentose: un fenomeno naturale perfino affascinante se non avvenisse nelle nostre case. Per risolvere il problema in modo definitivo quindi è bene eliminare la presenza dei ragni: togliere solo la ragnatela è infatti una soluzione puramente temporanea. Vi sarà probabilmente capitato di togliere una ragnatela e di ritrovarla formata poco dopo nello stesso identico punto. Se infatti il ragno resta li indisturbato riprende a tesserla. Se vedete il ragno artefice della ragnatela quindi portatelo prontamente fuori di casa. Se non riuscite a prenderlo in mano esistono altre soluzioni per farlo allontanare in modo naturale, senza ovviamente ucciderlo. Bisogna sapere infatti che i ragni non tollerano bene l’odore dell’eucalipto e del cedro: se vi procurate delle foglie di questa pianta o un piccolo pezzo di questo tipo di legno, i ragni se ne andranno spontaneamente e infastiditi. Un’altra sostanza il cui odore forte è altamente sgradito ai ragni è l’ammoniaca: usatela quindi per lavare i vetri e tutte le superfici che non si rovinano a contatto con questo prodotto aggressivo.

RAGNATELE, QUELLE FINTE – CLICCA QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.