Come conservare il pane per averlo sempre fresco


Come si conserva il pane? Alcuni lo tengono in frigo, altri lo congelano e poi, all’occorrenza lo scaldano altri molto più semplicemente preferiscono non conservarlo ma comprarlo fresco tutti i giorni. E’ vero che con i ritmi di oggi, riuscire a comprare quotidianamente il pane è davvero un’impresa. Ma non dobbiamo farci passare la voglia di gustare ogni giorno del pane come se fosse appena sfornato. Il modo migliore per conservarlo è quello di tenerlo a temperatura ambiente per un paio di giorni e poi di sistemarlo in una busta e congelarlo. Adesso vi indichiamo i passaggi da seguire per riuscire a conservare il pane in modo corretto.Per prima cosa dovete togliere il pane dalla confezione di carta e avvolgerlo nella pellicola trasparente o in un foglio di alluminio. In questo modo eviterete che il pane si secchi e si indurisca. Se lo avete acquistato già affettato e trattato industrialmente potete richiuderlo nella sua confezione di plastica originale. Spesso infatti i produttori di queste tipologie di pani consigliano di lasciarlo nella sua confezione per preservarne l’umidità. Le pagnotte possono anche essere lasciate nell’involucro di carta ma sarebbe preferibile, specie se avete tagliato la vostra pagnotta, lasciarla aperta sul bancone della cucina con il lato tagliato rivolto verso il basso. Così facendo manterrete la crosta croccante ma l’esposizione all’aria farà diventare il pane raffermo nel giro di poche ore. Ricordate di conservare il pane a temperatura ambiente per non più di due giorni. Proteggetelo dall’esposizione diretta dei raggi del sole e riponetelo in un luogo fresco e asciutto.

La lista nera del 2016 dei cibi più pericolosi, da non mangiare – clicca qui

In generale la temperatura ideale per conservare il pane è di 20° C. Se la vostra casa è molto umida il pane potrebbe ammuffirsi velocemente a temperatura ambiente. Per evitare che ammuffisca e per evitare quindi di doverlo buttare, congelatelo subito dopo aver consumato la quantità desiderata. Come dicevamo il miglior modo per conservare il pane è quello di congelarlo. In questo modo eviterete che l’amido si ricristallizzi e che il pane diventi raffermo. La ricristallizzazione che si verifica anche qualora decidiate di conservare il pane in frigo. Congelatelo in un sacchetto di plastica o in un foglio di alluminio resistente ed etichettatelo, specificando la fata in cui lo riponete nel congelatore. Potete anche tagliare a fette il pane prima di congelarlo. Quando avete bisogno del pane, scongelatelo a temperatura ambiente. Solo dopo, se volete, per tostarlo, mettetelo in forno o nel tostapane. Ricordate che è possibile riscaldare di nuovo il pane solo una volta per avere la consistenza originale. Infatti scaldandolo ulteriormente avrete lo stesso risultato che otterreste scaldando il pane raffermo.

Leggi altri articoli di Casa

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

 

Close