Sostituire il motore modello nazionale della lavatrice è molto costoso?

Il corretto funzionamento di qualsiasi lavatrice passa anche dalle prestazioni del motore. Con il trascorrere del tempo, però, questo componente (proprio come tutti gli altri) finisce per usurarsi e, quindi, per vedere compromesse almeno parzialmente le proprie performance. Arriva, quindi, il momento in cui è necessario provvedere alla sua sostituzione. Il motore è lo statore, che è costituito da vari magneti attraverso cui può essere guidata la bobina del tamburo.

In che modo funziona il motore di una lavatrice

È il motore elettrico che permette la rotazione dell’albero. Dopo un utilizzo prolungato, però, l’usura dello statore della lavatrice si fa sentire, e ciò può rappresentare un problema, addirittura determinando un guasto tale da coinvolgere l’intero sistema motore. Ma che cos’è di preciso lo statore? Si tratta della parte centrale del motore che, come il nome lascia intuire, è destinata a restare stazionaria: si differenzia, quindi, dal rotore, che invece è un componente in movimento. Anche se non si è esperti idraulici né appassionati di fai da te, provvedere alla sostituzione del motore della lavatrice è piuttosto semplice: insomma, non è indispensabile essere specialisti del settore. Si può pensare di agire anche da soli, così da non dover pagare il costoso intervento di un tecnico.

Cosa serve per sostituire il motore

Per trovare un motore lavatrice di ricambio si può fare riferimento al sito di Folletto Store, che mette a disposizione un ricco e variegato assortimento di componenti di tutti i migliori marchi. Questo e-commerce fornisce, tra l’altro, un servizio di assistenza gratuita nel corso dell’installazione: così, se non si è in grado di montare un ricambio che è appena stato comprato, si può usufruire del supporto e dei consigli di esperti del settore. Per cambiare il motore della lavatrice, in ogni caso, basta avere a portata di mano un martello, una chiave inglese e un cacciavite.

Come iniziare

In primo luogo bisogna svitare le viti della piastra situata sul retro della lavatrice, così da asportarla. Dopodiché occorre allentare il bullone che si trova al centro e togliere la copertura in metallo del motore; potrebbe essere utile servirsi di un martello per semplificare la procedura. Lo statore è collocato al di sotto del coperchio: una volta estratto insieme con i relativi cavi, che sono ubicati nella parte inferiore del motore, non rimane altro che inserire il pezzo di ricambio, rimettere a posto i cavi e reinserire le viti. Così si può fissare la copertura in metallo e riagganciare la piastra.

Quanto si spende

Ovviamente operando da soli si risparmia il costo di un intervento esterno: il prezzo del motore di ricambio, che costituisce la sola spesa che si sarà chiamati a sostenere, cambia in base al modello di statore con cui si ha a che fare, ma in linea di massima va da circa 170 euro a 230 euro. Ovviamente è consigliabile accertarsi che lo statore che si ha intenzione di comprare sia compatibile con la lavatrice di casa, per evitare brutte sorprese.

Sostituire il motore della lavatrice da soli conviene

Come si è visto, il motore della lavatrice può essere considerato il cuore di questo elettrodomestico. Nel momento in cui esso si guasta, non c’è altra soluzione che provvedere alla sua sostituzione. Per fortuna la procedura è piuttosto rapida e poco faticosa: nel giro di breve tempo si riesce a cavarsela e a fare in modo che la lavatrice torni a funzionare come e meglio di prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.