Attacchi di panico in gravidanza, le conseguenze sul feto

Non sono rari gli attacchi di pancia in gravidanza ma occorre fare attenzione per le conseguenze sul feto

Diventare mamma per una donna è una delle cose più belle del mondo. Alla gioia per la gravidanza però spesso si accompagnano tanti timori e paure. Le emozioni che si innescano durante la dolce attesa sono normalissime ed è facile che una donna, specie se si tratta dell’arrivo del primo figlio, sia spaventata. Ma se queste paure si trasformano in ansie esagerate e preoccupazioni che non riescono ad essere gestite allora la questione diventa più seria. Infatti nei soggetti predisposti il passo dall’ansia all’attacco di panico è breve. Ciò che vale per gli attacchi di panico in gravidanza può essere esteso anche a tutte le persone che si trovano a soffrire di questo disturbo. Tuttavia le conseguenze legate ad un attacco di panico non riguardano solo la futura mamma ma anche, indirettamente il feto. Infatti lo stress fisico e mentale scatenato da questo disturbo potrebbe essere trasmesso al bambino e condizionarne lo sviluppo e la crescita. La primissima conseguenza, una delle più gravi, degli attacchi di panico in gravidanza è il parto prematuro. Ovviamente è inutile stare a ricordare tutte le difficoltà, superabili, che dovrà affrontate un bimbo nato prematuro. I pensieri di una donna incinta sono spesso concentrati sulla salute del bambino e sulle preoccupazioni per il parto. Quando questi pensieri diventano ossessivi e innescano nella futura mamma troppe ansie e timori il rischio è quello che si possa condizionare il rapporto tra mamma e figlio, una volta venuto al mondo. E’ così che potrebbe nascere una depressione post partum, una patologia che colpisce moltissime donne. Ricordate che è importante riconoscere di soffrire di attacchi di panico, solo in questo modo si può iniziare un percorso per cercare di curarli. Parlatene con il vostro compagno, marito, con la vostra mamma o con un amico ma soprattutto parlatene con il vostro medico che vi aiuterà a capirne le cause dandovi poi i giusti consigli per affrontare al meglio questa situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.