Pulizie in casa quando il bambino è malato: ecco come farle per sconfiggere pidocchi, virus e batteri

pulizie casa bambino malato

Come fare le pulizie in casa quando il bambino è malato? Ecco alcuni consigli utili per sconfiggere pidocchi, virus e batteri. Non è raro che i bambini si ammalino oppure vengano colpiti da pidocchi. In questo caso i genitori si chiedono cosa fare per “disinfettare” l’ambiente in cui i piccoli vivono, e gli oggetti con cui sono entrati in contatto. Scopriamo se è necessario pulire tutto in maniera meticolosa al fine di evitare la proliferazione di virus, batteri e altri microrganismi.

PULIZIE IN CASA QUANDO IL BAMBINO E’ MALATO: SONO NECESSARIE?

Riguardo l’argomento delle pulizie in casa con un bambino malato, arriva un articolo del New York Times, pubblicato nella sezione Parenting, in cui si illustrano le epidemie che possono invadere le case in cui vivono i bambini. Vengono inoltre forniti dei metodi per evitare contagi ulteriori ed altri problemi.

Come ben sappiamo i bambini sono spesso colpiti da raffreddore e febbre, soprattutto quando sono piccoli. Quello che si può evitare è contagiare tutta la famiglia. Per fare in modo che non si ammalino tutti, ci sono delle accortezze da avere in casa. I bambini “malati” devono starnutire nell’incavo del gomito o sulla spalla. In tal modo i microbi non si diffondono in tutto l’ambiente ma si bloccano. Anche mettere la mano davanti alla bocca è una soluzione ma ciò necessita che poi venga lavata accuratamente. In caso contrario, diventa veicolo di ulteriori contagi dovuti al fatto di toccare le altre persone e gli oggetti. Se il bambino è malato, le pulizie in casa devono avere come obiettivo quello di igienizzare gli oggetti con cui entra in contatto. Questo va fatto soprattutto se ci sono altri bimbi in casa che giocano con i medesimi giocattoli.

Altro problema che spesso i genitori si ritrovano a dover risolvere, è quello dei pidocchi. Si tratta di piccoli insetti che infestano soprattutto i capelli e che si nutrono del sangue umano. In caso di pidocchi, il bambino o l’adulto avvertono un senso di prurito persistente. E’ possibile fare in modo che i pidocchi non interessino tutta la famiglia. In che modo? Bisogna sapere che i pidocchi non sono poi così contagiosi. Dunque bisogna controllare bene la testa di tutti i membri della famiglia. Se una delle persone in casa ha i pidocchi, bisogna evitare di utilizzare la sua spazzola. Una volta fatti anche i dovuti trattamenti, bisogna igienizzare l’ambiente e gli oggetti. La spazzola o il pettine utilizzati devono essere igienizzati in acqua calda, dai 50 gradi in su, per circa 5-10 minuti. E’ importante lavare bene anche i vestiti utilizzati dal bambino e anche le lenzuola del letto in cui dorme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.