Parental Control per bambini: tutto quello che c’è da sapere sulle sue funzioni

parental control

Cos’è il parental control? E a cosa serve? Si tratta di uno strumento molto utile per proteggere la navigazione online dei bambini, che avvenga tramite tv, smartphone, tablet o pc. Infatti il web è ricco di “trappole” in cui i bimbi possono cadere. Siccome l’utilizzo di questi dispositivi elettronici sta diventando all’ordine del giorno, è importante fare in modo che i ragazzini siano protetti. Infatti, secondo l’Osservatorio [email protected], che è nato nel 2014, all’età di 12-13 anni i ragazzini navigano spesso senza il controllo dei loro genitori. Il rischio per loro è di raggiungere contenuti pericolosi, inappropriati, che istigano alla violenza ecc. Essendo il web molto vasto, e per i genitori spesso può risultare impossibile controllare al 100% quello che i propri figli vedono, il parental control può essere un valido alleato.

Parental control per far navigare sicuri i bambini, ecco come funziona

Il parental control ha come obiettivo quello di limitare l’accesso dei ragazzini a determinati contenuti, sulla base delle disposizioni dei genitori. In questo modo si potrà evitare che i minori finiscano su siti violenti o che istigano ai disturbi alimentari, o ancora su siti pornografici. Inoltre, grazie al parental control, si può impostare anche il tempo di utilizzo dei vari dispositivi. Possiamo perciò affermare che il parental control può aiutare i genitori nella loro attività di controllo all’accesso a internet dei propri figli.

Come vi abbiamo anticipato, il parental control si può utilizzare su tv, pc, tablet e smartphone. Si tratta di tutti dispositivi che ormai i bambini imparano a utilizzare molto presto, fin troppo. Inoltre il parental control è compatibile con tutti i sistemi operativi.

Il parental control può sostituire del tutto i genitori? Alcuni consigli utili per i genitori con figli online

Ovviamente, pur essendo molto utile, il parental control non può di certo sostituirsi al controllo dei genitori. E’ importante che mamma e papà siano al fianco del proprio bambino spiegando i rischi della navigazione online, parlando tanto e di tutto, creando così un rapporto di fiducia. Bisogna prestare attenzione anche all’utilizzo dei social, sempre più frequente tra i giovanissimi. I rischi, in questo caso, dipendono per esempio dalle foto che circolano online, dai commenti e dai messaggi privati che possono mandare in crisi i ragazzi. Dunque, pur essendo il parental control molto utile, soprattutto nel caso dei bimbi più piccoli, è sempre meglio controllare di persona i propri figli assicurandosi che utilizzino il web in maniera adeguata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.