Diabete nei bambini, dalle cause ai sintomi: cosa sapere

diabete bambini sintomi e cause

Il diabete nei bambini è, purtroppo, una patologia molto più frequente di quanto si possa pensare. Sicuramente rappresenta un pensiero per i genitori e una limitazione per i piccoli ma, con i giusti consigli degli esperti, è possibile trattare questo problema nel migliore dei modi per vivere una vita relativamente “normale”. Dalle cause ai sintomi, scopriamo tutto quello che c’è da sapere sul diabete infantile.

Diabete nei bambini, dalle cause ai sintomi: cosa sapere

Le cause del diabete nei bambini ad oggi non sono note. Gli studi scientifici su questo disturbo sono stati molti e continuano a susseguirsi ma attualmente non si è in grado di affermare con certezza quali fattori siano causa del diabete. Esistono delle ipotesi generiche che individuano nell’ereditarietà e nell’ambiente in cui vive due variabili che potrebbero influenzare la comparsa del diabete nei bimbi.

Molti studi hanno poi messo a fuoco il meccanismo che porta alla carenza di insulina che poi è alla base del diabete. Nei pazienti di ogni età affetti da diabete, alcune cellule del sistema immunitario (i linfociti) iniziano ad aggredire le cellule del pancreas che producono insulina, fino a distruggerle completamente. Funziona così negli adulti e anche nei bambini.

I sintomi del diabete all’inizio possono non rivelarsi subito riconoscibili perché simili a quelli di altre patologie. Occorre dunque prestare molta attenzione e essere scrupolosi per cercare di rivolgersi prima possibile a un medico che saprà eventualmente individuare la presenza della malattia e cosa fare per conviverci al meglio. All’inizio, il diabete nei bambini può essere causa di aumento della quantità di urine e della frequenza delle minzione (poliuria) ma anche di sete eccessiva con aumento dell’assunzione di liquidi (polidipsia). E ancora, tra i sintomi più ricorrenti del diabete infantile c’è anche una fame eccessiva con aumento dell’assunzione di cibo (polifagia) oltre che dimagrimento e dolori addominali importanti che non siano riconducibili ad altre malattie. Nei casi più gravi i sintomi possono rivelarsi molto più seri: stato confusionale, alterazione di alcune funzioni mentali e addirittura coma (coma chetoacidosico). I sintomi dipendono dallo stadio a cui è arrivata la malattia e dal tipo di diabete mellito di cui il bambino soffre.

L’importanza di una tempestiva diagnosi

La tempestività riveste un ruolo centrale per la cura del diabete. Il genitore che si accorge che qualcosa non va nel suo bambino deve immediatamente rivolgersi al pediatra di famiglia oppure direttamente a un centro specializzato di diabetologia o endocrinologia pediatrica. Ulteriori accertamenti potranno confermare o escludere la presenza della malattia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.