Rimedio calvizie, importante scoperta: la soluzione è in un profumo

arriva il profumo anti calvizie

Arriva una grande soluzione contro le calvizie, rappresentata da un profumo. Ebbene sì, il prodotto è stato giudicato come l’arma vincente contro questo problema. È infatti in grado di agire direttamente nel cuoio capelluto. Scendendo nel dettaglio, stiamo parlando del profumo di legno di sandalo, composto chimico creato per permettere la ricrescita pilifera e ridurre la morte dei follicoli. La notizia su questo nuovo e interessante prodotto contro le calvizie arriva da uno studio condiviso su Nature Communications.

RIMEDIO ANTI-CALVIZIE, LA SCOPERTA DEI RICERCATORI: UN PROFUMO DI LEGNO DI SANDALO DIVENTA LA SOLUZIONE PERFETTA

Un profumo di legno di sandalo ha la capacità di combattere le calvizie. È questo ciò che rivela uno studio pubblicato su Nature Communications. Si tratta di una scoperta che conferma il fatto che i ricettori olfattivi non si trovano solo nelle narici. Questo prodotto promette di rinfoltire le chiome se applicato sulla zona interessata. Ralf Paus dell’università inglese di Manchester, il quale ha guidato tale ricerca collaborando con la società tedesca Monasterium Laboratory Skin & Hair Research Solutions di Münster, afferma all’Independent che questo è un “risultato piuttosto sorprendente”. Si tratta, infatti, della prima dimostrazione che “il rimodellamento di un normale mini-organo umano può essere regolato da una semplice sostanza odorosa già ampiamente utilizzata in cosmetica”.

Il profumo anti-calvizie si trova già in commercio e si chiama Sandalore. Questo prodotto agisce stimolando il ricettore olfattivo 0R2AT4, sul quale si sono concentrati gli studiosi, in quanto gioca un ruolo di varie risposte fisiologiche. Utilizzando questa sostanza su diversi campioni di cuoio capelluto umano, donati da volontari dopo interventi di lifting, hanno potuto notare che dopo 6 giorni vi era un aumento del 25-30% nella produzione di ormone della crescita. Ma non solo, questo composto ha anche ritardato la morte naturale delle cellule che riguardano la formazione dei capelli. In questo modo, è stato notato un allungamento della fase di crescita. Anche Nicola Clayton della British Association of Dermatologists ha trovato questa ricerca molto affascinante. Non solo, l’esperta giudica questi risultati entusiasmanti.

Attualmente sappiamo che è in corso un trial controllato su più larga scala. I risultati dovrebbero essere annunciato nei primi mesi del 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.