Michael Bublè lascia per sempre la musica dopo la malattia del figlio (Foto)

Michael Bublè

Nessuno si aspettava l’addio alla musica di Michael Bublè ma il cantante ha annunciato che Love è il suo ultimo album (foto). Dopo la malattia del figlio Noah tutto è cambiato, il piccolo ha vinto contro il cancro ma il cantante ha dichiarato che non metterà mai più se stesso davanti alle persone che ama. La passione per la musica, i concerti, i continui viaggi, le registrazioni, Bublè parla dell’ego di questo lavoro. La malattia del figlio lo porta a chiudere la sua carriera a 45 anni. Non solo Love, in uscita il prossimo mese, sarà il suo ultimo album, ma mentre rilascia l’intervista aggiunge che anche questa sarà l’ultima. E’ al Daily Mail’s Weekend Magazine che Michale Bublè ha annunciato la sua intenzione di ritirarsi dalla musica. Ha un unico desiderio, dedicarsi solo alla moglie, l’attrice Luisana Lopilato , e ai suoi tre figli. Noah adesso ha 5 anni, poi c’è Elias di 2 e la piccola Vida che ha solo pochi mesi. Lascia ai fan il disco perfetto e va via quando è ancora al top, questa ha voluto far sapere a tutti spiegano anche il perché dell’addio.

L’ULTIMO ALBUM PER MICHAEL BUBLE’ – IL CANTANTE CANADESE LASCIA LA MUSICA

Due anni fa il periodo più brutto della sua vita, la notizia peggiore per un genitore. Il bambino adesso sta bene “Ma quello che è successo ha cambiato la mia percezione della vita”. Ha desiderato morire: “Non sapevo neanche se stessi respirando o meno. Per mia moglie era lo stesso e anche se tra i due ero il più forte, non ero forte”. Adesso non gli interessa più la fama: Non metterò mai più l’ego di questo lavoro davanti alle persone che amo. È la ragione per la quale mi sono allontanato da questo mondo negli ultimi due anni. Non so neanche se riuscirò a terminare questa conversazione senza piangere. E non ho mai perso il controllo delle mie emozioni in pubblico”.

E’ per ringraziare il pubblico che ha pregato per suo figlio che ha deciso di riunire il vecchio gruppo e lavorare a un nuovo album ma è stato terribile quando il piccolo era in ospedale, era difficile anche comprare un panino: “Tutti mi riconoscevano e mi chiedevano: “Come sta tuo figlio?”, e io finivo per essere risucchiato ancora di più. Sentire tutta quella umanità, però, mi ha molto aiutato”. Il cantante canadese dice addio alla musica e lascia tanto a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.