Morgan difende sua figlia Anna Lou dopo gli atti vandalici

Su tutte le testate giornalistiche nazionali, da due giorni si parla degli atti vandalici che la figlia di Morgan e Asia Argento, Anna Lou Castoldi, ha fatto ai danni di un bus della capitale. Atti vandalici dei quali la ragazzina si è vantata anche sui social, postando storie e foto di quanto aveva fatto. Una vicenda che come potrete immaginare ha fatto molto scalpore. Anna Lou si è scusata e oggi, arrivano anche le parole di Morgan che in questa storia si schiera dalla parte di sua figlia. 

MORGAN DAI SOCIAL COMMENTA LA VICENDA CHE HA VISTO SUA FIGLIA ANNA LOU PROTAGONISTA

Il cantante due ore fa ha deciso di dire la sua sui social e lo ha fatto riportando prima il messaggio di scuse da parte di sua figlia. Ecco le parole della ragazzina:

Ciao. È vero; ho fatto Una cosa di cui non mi vanto, un errore, lo capisco , ora lo vedo, ho sbagliato e Chiedo scusa, non però in modo formale, conformista, come chi lo ‘deve’ fare, ma chiederò scusa in modo sincero col cuore e con la testa, alle persone che ho offeso, non a chi non ha nulla a che fare con quello che è successo e che parla solo per offendermi ma non c’entra nulla, non sa nulla di me, non è minimamente toccato da questo fatto, non sa nulla di mio padre e mia madre, di cosa possa significare essere figlia loro, se un privilegio o una condanna, certo non una colpa, ma soprattutto (e questo vale per tutti) non sa cosa significa avere 17 anni oggi, in questo mondo privo di tenerezza, di esempi gentili, violento e disumano. Gli errori li commettiamo tutti, gli adolescenti, poi, sono una miniera di sbagli, perché fanno esperienza, e ogni sbaglio serve sempre per insegnarci qualcosa. Non venitemi a dire però che quello che ho fatto è una cosa strana per una ragazza della mia età.
Non è altro che una ‘ragazzata’ , ma ciò non mi giustifica,e per questo chiedo personalmente scusa
1_ alle persone che dovranno pulire
2_ alle persone che si sono sporcate magari anche l’unica giacca che hanno
3_ a chi lavora lì e ha visto violato il suo ambiente di lavoro
4_ a tutti i contribuenti, perché il lavoro straordinario di chi dovrà pulire sarà accollato e distribuito a tutti i cittadini sotto forma di tasse
5_alle persone che hanno subito il disservizio causato dalla momentanea mancanza di un mezzo pubblico, fermo per manutenzione.
6_ ai miei genitori per aver dato un’altra occasione di criticarli.

Se potete accettate le mie più sincere scuse,
Annalou


 

Ed ecco come ha commentato poi i fatti Morgan, padre di Anna Lou: 

Io dirò: dobbiamo minimizzare e dare le giuste dimensioni ad un fatto che confrontato ad un vero reato fa ridere. Vogliamo parlare di quanto danno faccia alla Repubblica, ai cittadini ed allo Stato alterare i bilanci pubblici? Mettere mani nelle casse dello Stato? Cosa che fanno quotidianamente i nostri svergognati “rappresentanti”. Dai, paragoniamo un graffito ad un falso in bilancio e poi vediamo se abbiamo ancora il coraggio di umiliare una bambina normale, anzi meravigliosamente pura.

Il dato interessante è l’accanimento di tutti i vigliacchi che lapidano un’adolescente. È per costoro che quella volta prevalse Barabba. Ricordo quando il sindaco di Monza, Faglia, qualche anno fa, si fece fotografare con un secchio ed una spugna in mano davanti ad un “imbrattatamento” dei muri della Villa Reale.
Come a dire: Beh? Non facciamo troppo chiasso, basta pulire, le cose gravi non son queste. Il Sindaco.
Quello sì che fu un segnale politico vero, anticonformista e “etico”, non le chiacchiere.

Comunque diciamo così: in questi giorni si coglierà più chiaramente chi è feccia e chi è di animo nobile perché tutti quelli che si esprimeranno vomitando sentenze moralistiche su questa vicenda non saranno altro che topi di fogna stanati.

Morgan

Per il momento invece Asia Argento sembra aver preferito non dire nulla in merito a questa vicenda. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.