Barbara d’Urso parla del profilo fake che ha denunciato e del giornalista “collegato” a questa persona


Barbara d’Urso ha deciso di condividere sui social un video per parlare di una cosa che l’ha fatta molto preoccupare per mesi. La conduttrice di Mediaset rivela nel video che ha postato sui social, di aver deciso di denunciare una persona che gestiva un profilo fake per denigrarla, offendere lei e la sua famiglia, ma soprattutto incitare altri all’odio. Questa vicenda è nota a chi bazzica i social da tempo. La pagina a cui la conduttrice fa riferimento, anche se non viene citata, è quella di un profilo che al momento non è più attivo sui social. La pagina ha cambiato diverse volte il nome, ma in generale era “Barbaradurto”.

La conduttrice, vuole spiegare a tutte le persone che la seguono, il motivo per il quale ha fatto intervenire la polizia postale in questa vicenda.

LA DENUNCIA DI BARBARA D’URSO SUI SOCIAL

Ecco che cosa ha raccontato la conduttrice nel video postato il 17 ottobre 2019.

Per circa un anno e mezzo c’è stato un profilo anonimo – che per altro aveva ripreso il mio nome cambiando due vocali – che quotidianamente e più volte al giorno pubblicava post molto insultanti ed anche aggressivi scatenando odio contro me, contro i miei figli e contro la mia famiglia. Visto l’insistenza ho iniziato a preoccuparmi e mi sono chiesta ‘Ma chi c’è dietro questo profilo così tanto ossessionato da me?’. Ho fatto ovviamente una denuncia contro ignoti. La polizia postale ha fatto le indagini ed ha scoperto che collegato – anche telefonicamente – con il proprietario del profilo, che collaborava con questo profilo, c’era un giornalista di cui non mi interessa fare il nome.

La d’Urso non ha fatto il nome ma è facile pensare che la conduttrice faccia riferimento ad Alberto Dandolo, che scrive per Oggi e Dagospia che qualche giorno fa ha pubblicato sui social i documenti relativi a questa indagine. Se uno più uno fa due…Dovrebbe essere proprio lui la persona di cui si parla.

La conduttrice va avanti e spiega che ci sono delle prove, che la polizia postale ha trovato il collegamento tra questo giornalista e la persona che gestiva i profili fake.

La polizia ha interrogato questo giornalista ed ha scoperto che questo giornalista dava dei suggerimenti, dei consigli, delle esortazioni anche molto precise. Addirittura in un messaggio – messo agli atti – mandato dal telefonino del giornalista c’è scritto ‘Un bacio e ti voglio bene, continua come stai facendo se ti fa divertire e ti fa piacere, se non ti diverte non ha più senso, però continua e fallo anche per me. Vai avanti anche per me’.

Ricordiamo che Alberto Dandolo ha sempre negato di essere coinvolto con il famoso profilo fake ma di questo si occuperanno le forze dell’ordine.

La d’Urso ha concluso:

“Se io avessi saputo che dietro tutto questo ci fosse questo giornalista non avrei mai fatto una denuncia contro ignoti, bastava dirlo”.

Noi abbiamo ipotizzato che la conduttrice stesse parlando di Alberto Dandolo ma ovviamente se così non fosse, il diretto interessato potrebbe smentirci.

Leggi altri articoli di News spettacolo

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

    © Ultime Notizie Flash

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close