Morta Carla Fracci, la regina della danza ci lascia a 84 anni

Carla Fracci è morta, avevamo sperato che la notizia sulle gravi condizioni dell’étoile italiana più famosa al mondo potessero volgersi al meglio, invece arriva la fine della sua vita in punta di piedi. Le sue condizioni erano gravi, tutti erano preoccupati per la salute della regina della danza che a 84 anni sembrava non potesse mai lasciarci. In mondo della danza è in lacrime, Carla Fracci sembra avesse un tumore ma di recente l’avevamo vista in tv con la sua consueta eleganza, la leggerezza, la forza di chi ha iniziato il suo percorso da origini popolari per crescere con lo studio tenace arrivando al successo vero nei più grandi teatri del mondo. L’addio a Carlo Fracci ci sembra irreale, forse soprattutto in questo periodo.

CARLA FRACCI CI LASCIA A 84 ANNI A CAUSA DI UN TUMORE

“Carla Fracci è più leggera dell’aria, più lieve di un sospiro. Addio alla meravigliosa ballerina che ha cambiato la percezione della danza in Italia e nel mondo. Un’artista straordinaria. Immensa” si legge sui social e inizia così il tam tam di chi apprende della morte di Carla Fracci.

“Carla Fracci rientra in quella categoria di persone che pensi non possano morire mai. Un mito. Non so che dire. Spero stia bene adesso” e uno dopo l’altro arrivano i messaggi per lei che era già un mito in vita, lei che sempre vestita di bianco non ha mai smesso di danzare, in ogni istante della sua vita.

Con la morte di Carla Fracci perdiamo non solo una grande artista, non solo la vera regina della danza ma un’insegnante di vita, d’arte.

Cala il silenzio in tv, Eleonora Daniele dallo studio di Storie Italiane interrompe le sue interviste, i collegamenti, è sconvolta come tutti dalla morte della regina, non ha parole, nessuna ha parole per dire addio a lei. Avevamo sperato come tutti che si potesse riprendere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.