Yara Gambirasio, chi l’ha uccisa? Siamo pronti a tutto


Per la piccola Yara Gambirasio la richiesta di tutti è giustizia, che si trovi chi l’ha uccisa, il mostro. Non solo a Brembate Sopra ma in tutto il Paese tutti vogliono conoscere il nome e il volto dell’omicida, “di quella bestia, quell’animale che ha fatto questo…” sono queste le parole pronunciate dal sindaco del paesino dove vive la famiglia di Yara, parole con cui ha poi spiegato l’attesa che c’è intorno alle indagini.

I termini non possono non essere duri ascoltando le ultime notizie su Yara: “Ci aspettiamo una risposta, ma saranno gli inquirenti a darci un risultato. Se ci sarà un mostro di Brembate Sopra o altro io sono pronto a tutto, noi siamo pronti ad accettare qualsiasi esito” continua Diego Locatelli, come riportato da Bergamo news dopo la conferenza stampa.


La famiglia di Yara è chiusa nel proprio dolore ha aggiunto il primo cittadino: “Sta molto male, ma sempre in modo dignitoso. La famiglia vuole sicuramente giustizia, che non è richiesta di vendetta. La famiglia è sempre chiusa in se stessa, ma è una chiusura sempre sostenuta da amici, da don Corinno, da me quando mi vogliono incontrare”.

Quello che è accaduto a Yara poteva accadere in qualunque altro luogo: “Non credo ci sia una carenza sulla sicurezza” ha sottolineato il sindaco. E sulle ricerche fatte in questi tre mesi ha detto: “Non c’è alcun dubbio che siano state svolte bene, almeno a Brembate Sopra e nei Comuni limitrofi”.

Non c’è spazio per polemiche e notizie inutili, Yara è morta e mentre c’è qualcuno che tenta di nascondersi tutti gli altri lo stanno cercando.

S.L.


Leggi altri articoli di News e Cronaca

1 commento per “Yara Gambirasio, chi l’ha uccisa? Siamo pronti a tutto”

  1. 4 Maggio 2011

    Thank you for sharing your stuff on blog. it is probably that we’ve similar interests. something are very helpful to me.

    Commenta l'articolo


    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Riscontrata interferenza con Ad Blocker

    Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

    Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

    Grazie per il supporto, buona lettura!

    Close