Yara e Sarah, auguri a due piccole grandi donne

Abbiamo parlato più vole di Sarah  Scazzi  e Yara Gambirasio. Abbiamo parlato di chi con tanta crudeltà ha messo fine alle loro vite. E oggi non potevamo parlare di loro anche solo per fare un augurio. Sarebbe stata la loro festa oggi, la festa delle donne, e loro sono state due piccoli grandi donne. Non hanno avuto il tempo di diventare grandi perchè qualcuno ha deciso che fosse arrovato il tempo di mettere fine alla loro esistenza. E così adesso l’augurio può andare solo a quelle che noi crediamo essere due piccoli angeli.

Due storie diverse ma simili tra loro. Tanto dolore e tanta sofferenza per chi ha perso queste due bambine. Perchè loro lo erano ancora. Sarah sicuramente cresciuta prima anche perchè abituata a uscire con l’amata cugina più grande e Yara invece dedita solo alla danza e amante di tutto quello che la vita di una tredicenne regala. Pochi numeri sul cellulare per la piccola di Brembate e tanti profili facebook per la donnina di Avetrana. Due vite diverse che non le rendono però così diverse. Entrambe non avevano fatto del male a nessuno e di sicuro non avrebbero meritato di morire. Non avrebbero meritato di essere uccise: lasciata in un pozzo Sarah e in un gelido prato Yara. Trovata solo per una testimonianza di Misseri Sarah e scoperto per caso il corpicino di Yara da un uomo che aveva perso il suo aereo.

Una giustizia lenta che ancora non ci ha regalato le risposte che tutti vogliamo. Nessuna risposta per quelle due mamme che oggi hanno una piccola donna lontana. Nessuna risposta per i due papà che hanno perso le loro bambine.

3 responses to “Yara e Sarah, auguri a due piccole grandi donne

  1. è vero,le loro storie sono simili anche se sarah è stata trovata perchè l ha detto suo zio e yara è stata trovata da un uomo per caso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.