Yara ultime notizie: fu massacrata di pugni e accoltellata da morta


Continuano a susseguirsi una dopo l’altra le notizie sul caso dell’omicidio di Yara Gambirasio.

E così oggi, dopo una prima notizia del rilevamento di nuove tracce biologiche, poi smentita anche nel nostro sito di informazione, le ultime notizie, di pochi minuti fa, sono che Yara sarebbe stata strangolata dopo essere stata massacrata di pugni.

Ad affermarlo il settimanale “Oggi”, secondo cui l’anatomopatologa Cristina Cattaneo, la stessa incaricata dell’autopsia sul corpo della 13enne uccisa, avrebbe scoperto dei segni di forte pressione sulla gola. Dalle prime indiscrezioni che trapelano dal servizio sull’autopsia, l’assassino di Yara avrebbe usato entrambe le mani per far strangolarla, dopo averla malmenata massacrandola di pugni.

Quindi Yara, secondo il settimanale in cui è presente il servizio, che fa riferimento ai medici legali, sarebbe stata uccisa quando ormai era già incosciente, e , addirittura, è stata accoltellata una volta che era già morta. E’ quanto emergerebbe dai risultati dell’autopsia, dove sono state rilevate due vistose ecchimosi sotto gli occhi e un colpo decisivo alla tempia sinistra, particolari che fanno pensare appunto alla perdita di coscienza di Yara prima della sua morte. Si pensa che sia stata accoltellata quando era già priva di vita in quanto la giovane Yara non ha perso sangue.


Queste sarebbero le ultime conclusioni degli inquirenti che stanno indagando giorno dopo giorno, ora per ora, sul giallo della ragazzina di Brembate Sopra. Si aspettano nuove notizie nelle prossime ore, per avere  maggiori certezze sia sulla morte della piccola Yara che sui Dna del possibile, o dei possibili, killer.

Sara Moretti


Leggi altri articoli di News e Cronaca

3 commenti su “Yara ultime notizie: fu massacrata di pugni e accoltellata da morta”

  1. 22 Marzo 2011

    […] – Ultime notizie su Yara Gambirasio: è stata massacrata, strangolata e accoltellata da morta. Queste le ultime conclusioni degli […]

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close