Omicidio Melania Rea, il marito è coinvolto?


Flash news – Continua il giallo dell’omicidio di Carmela Melania Rea. Mentre si sospettano tre persone, anche il marito Salvatore Parolisi si trova sotto la lente d’ingrandimento degli investigatori. Il marito della vittima aveva infatti fatto sapere in un secondo momento di essere stato in “intimità” con la moglie, una decina di giorni prima della sua scomparsa, proprio nel bosco in cui il corpo di Melania è stato ritrovato. Gli investigatori sospettano che il marito stia tentando di crearsi un alibi, qualora si trovassero tracce che lo riguardano in quel luogo.

Intanto nell’automobile di Parolisi sono state trovate tracce di sangue, precisamente sul sedile anteriore del passeggero. Tali elementi saranno presi in esame dai Ris di Roma. Anche gli indumenti del marito di Melania vengono analizzati accuratamente in queste ore, così come gli oggetti che si trovavano sul luogo del ritrovamento di Carmela, quali il laccio emostatico, la siringa e il cellulare della donna.

Assunta De Rosa


Leggi altri articoli di News e Cronaca

5 commenti su “Omicidio Melania Rea, il marito è coinvolto?”

  1. Cinzia
    28 Aprile 2011

    …Sono sgomenta dell’accaduto, come molti altri, ed attribuire colpe di un qualcosa al marito senza avere fondate e certissime prove mi sembra ridicolo e infamante!!! Stiamo a vedere a cosa portano le indagini e a cosa porteranno, comunque è squallido e tremendo che nessuno abbia visto nulla, viviamo in una preoccupante “indifferenza”, la famiglia era in un parco e per quanto sia grande, comunque un luogo del genere è sempre frequentato: da gente che fa jogging, che cammina con i cani, etc…mi domando la donna quando è stata assalita da quell’individuo/i avrà anche urlato, tentato di difendersi, non penso che una persona che viene accoltellata e forse picchiata, rimanga in silenzio!!!! Per me purtroppo l’atto non è avvenuto lì al parco e gli assassini sono ben due e il povero marito, spero tanto di sbagliarmi non tanto per lui quanto per la figlia che rimarrebbe sola senza nessuno dei due genitori, non c’entra nulla ma solo marginalmente in questa bruttissima tragedia!!!!

    • 28 Aprile 2011

      non sbattiamo subito il mostro in prima pagina !

      • Cinzia
        28 Aprile 2011

        …Infatti, può essere che le tracce di sangue trovate nell’auto del marito siano dovute a qualche altro motivo, però è stata vista una macchina scura (a proposito di che colore è la macchina del marito???) con le portiere aperte sparire velocemente, in quei momenti, dal luogo del supposto rapimento ed uccisione della donna……vuole dire qualcosa questo fatto??? E poi perchè a “Chi l’ha visto?”, il marito ha raccontato dell’episodio del bagno, Melania ha cambiato tre bagni in tre locali diversi, se poi agli inquirenti ha dichiarato di essersi appartato con la compagna proprio nel parco incriminato alcuni giorni prima??? Se la moglie era così “schizzinosa” come mai ha accettato di appartarsi con lui in un parco dove comunque, anche se fosse stato super pulito, non è il massimo dell’igiene??? Troppe cose che non concordano tra loro…….speriamo in bene!!!!

        • Leonardo
          4 Maggio 2011

          Purtroppo, il sospettato principale è il marito, inutile scandalizzarsi, è così, ed il suo racconto in verità fa acqua da tutte le parti.

          • Leonardo
            4 Maggio 2011

            Purtroppo, il sospettato principale è il marito, inutile scandalizzarsi, è così, ed il suo racconto in verità fa acqua da tutte le parti.
            Mi dite perché l’uomo, giacchè si era appartato sessualmente con la moglie proprio in quel posto, dove è stato ritrovato il cadavere e dove pare la donna sia stata uccisa, non sia tornato a cercarvela dopo la sparizione, o non abbia indicato agli inquirenti quel luogo. Chi altri sapeva del fatto precedente, così da consumarvi verosimilmente il delitto?

    Commenta l'articolo


    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Riscontrata interferenza con Ad Blocker

    Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

    Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

    Grazie per il supporto, buona lettura!

    Close